Previsioni della Banca Mondiale per il 2023: Crisi in arrivo per i mercati azionari?

L'anno in corso sarà altrettanto negativo o peggiore del 2022 per i mercati azionari? O dobbiamo aspettarci un miglioramento? Abbiamo cercato la risposta a questa domanda dai più esperti - gli analisti delle principali banche del mondo.

Il 2022 è stato il settimo anno peggiore della storia per l'S&P 500, che ha perso quasi un quinto del suo valore. Tuttavia, l'inizio di quest'anno è stato finora molto positivo per i mercati azionari statunitensi, con l'indice che ha guadagnato quasi il 5% e si è avvicinato alla soglia psicologica chiave dei 4000 punti. Tuttavia, il mercato presenta ancora molti pericoli. Oggi, quindi, scegliamo il cervello più istruito in materia: gli analisti delle più grandi banche del mondo. Cosa si aspettano dai mercati statunitensi nel 2023?

Tuttavia, mentre leggete questo articolo, tenete presente che anche le grandi banche non sono portatrici di informazioni garantite. Non dobbiamo andare lontano: per esempio, non molti si aspettavano un calo così forte dei mercati statunitensi l'anno scorso. Forse è per questo che le banche stanno procedendo con maggiore cautela con le loro previsioni per quest'anno, come è evidente dall'ampia gamma di prezzi obiettivo per l'indice S&P 500. Tuttavia, il 2023 sarà probabilmente l'anno in cui si prevede che il mercato sarà più competitivo.

Tuttavia, il 2023 sarà probabilmente un anno più leggibile del precedente. A meno che non succeda qualcosa di inaspettato, cosa che non vogliamo. Ma veniamo ora alle previsioni vere e proprie, che troverete qui di seguito insieme alle nostre analisi e ai nostri commenti. Quali scenari sono probabili e quali non hanno molto senso? Allacciate le cinture!

Previsione di target S&P 500 per il 2023 da parte delle banche globali

 

Fonte: Investing

Banca

Valore obiettivo dello S&P 500 per il 2023

Deutsche Bank

4500

Jeffries

4200

JP Morgan

4200

Wells Fargo

4200

Credit Suisse

4050

Bank of America

4000

Citigroup

4000

Goldman Sachs

4000

HSBC

4000

Morgan Stanley

3900

UBS

3900

BNP Paribas

3400

 

Come utilizzare queste informazioni a proprio vantaggio nel trading?

It is clear from the above estimates that the world’s biggest banks agree that we are in for another very interesting year. The most bullish vote ever belongs to Fundstrat, which expects the S&P 500 to rise by another almost 20% to 4,750 points during 2023, which would be an all-time high. Of the big banks, then, the most optimistic view belongs to Deutsche Bank. The most frequently cited value is 4,000 points, which coincidentally is also the current level of the S&P 500. The average target price after a survey of 23 banks is at 4080 points. If that expectation is met, many of the buy-and-hold style investors are in for a lean period, yet again.

 

Dalle stime di cui sopra emerge chiaramente che le maggiori banche mondiali concordano sul fatto che ci aspetta un altro anno molto interessante. Il voto più rialzista in assoluto appartiene a Fundstrat, che prevede che l'S&P 500 salirà di un altro 20% circa fino a 4.750 punti nel corso del 2023, il che rappresenterebbe un massimo storico. Tra le grandi banche, poi, la visione più ottimistica appartiene a Deutsche Bank. Il valore più frequentemente citato è di 4.000 punti, che per coincidenza è anche il livello attuale dell'S&P 500. Il prezzo obiettivo medio, secondo un sondaggio, è di 4.750 punti. Il prezzo obiettivo medio, secondo un sondaggio condotto su 23 banche, è di 4080 punti. Se questa aspettativa si realizzerà, molti investitori di tipo buy-and-hold si troveranno ancora una volta in un periodo di magra.

 

Tuttavia, non ci aspettiamo che i mercati si muovano "lateralmente" quest'anno. È piuttosto probabile che assisteremo ancora a una forte volatilità e che l'S&P 500 possa avere un percorso molto difficile per raggiungere il traguardo dei 4000 punti. I trader attivi di indici e azioni in particolare possono trarre vantaggio da questa situazione. Lo strumento ideale in questo caso è rappresentato dai CFD azionari, con i quali è possibile speculare su un calo dei prezzi e ottenere profitti potenzialmente molto buoni (ispiratevi ai TOP 3 CFD azionari per dicembre 2022, ad esempio).

Molte opinioni prevedono addirittura un ulteriore calo dello S&P 500. Il più scettico è, ad esempio, BNP Paribas, che ha un obiettivo di prezzo di addirittura 3.400 punti. Quali sono i principali rischi da tenere d'occhio quest'anno? E quale scenario è più probabile?.
 

Indice S&P 500 sul timeframe D1 nella piattaforma MT4. Il grafico mostra i rally rialzisti dell'estate e dell'autunno durante la stagione degli utili.
Indice S&P 500 sul timeframe D1 nella piattaforma MT4. Il grafico mostra i rally rialzisti dell'estate e dell'autunno durante la stagione degli utili.

A cosa prestare attenzione quest'anno secondo JP Morgan?

La più grande banca statunitense JP Morgan prevede un anno molto volatile. I mercati azionari potrebbero toccare il fondo già nella prima metà dell'anno. JP Morgan ritiene che il motivo principale sia l'inasprimento della politica monetaria della Fed. Secondo la banca, la Fed alzerà i tassi di interesse oltre il 5% a causa della debolezza dei fondamentali. La banca si aspetta quindi un retest del minimo annuale, che si aggira intorno ai 3500 punti dell'indice S&P 500. Quest'anno sarà inoltre accompagnato da un calo dell'inflazione negli Stati Uniti, da un aumento della disoccupazione e da un calo degli utili aziendali. Secondo JP Morgan, questi fattori dovrebbero convincere la banca centrale statunitense a fare marcia indietro e a ricominciare a tagliare i tassi di interesse. Questa inversione di tendenza dovrebbe portare a un aumento dei prezzi delle azioni statunitensi.
 

Quale sarà il momento chiave per gli investitori?

È quindi fondamentale che gli investitori osservino i primi segnali di riduzione dei tassi di interesse quando il governatore della Fed parlerà. È questo momento che potrebbe essere il catalizzatore della crescita a lungo termine. Bank of America condivide la stessa visione, ma è più cauta sul fatto che l'S&P 500 torni a salire, come dimostra il suo prezzo obiettivo di 4.000 punti. Il rischio, tuttavia, è un taglio troppo precoce dei tassi di interesse, che potrebbe riportare l'inflazione sui mercati. E nessuno tra i banchieri centrali statunitensi lo vuole.

Il mercato è ora molto più ottimista a questo proposito: si aspetta che i tassi d'interesse terminali siano compresi tra il 4,75% e il 5,00% e poi uno o due tagli dei tassi prima della fine dell'anno. Tuttavia, ciò non corrisponde ai discorsi dei funzionari della Fed che non intendono tagliare i tassi di interesse quest'anno. L'eccessivo ottimismo del mercato potrebbe quindi essere il prossimo catalizzatore di un sell-off, forse in occasione della prossima riunione di inizio febbraio. Il prossimo catalizzatore potrebbero essere i risultati economici deludenti. 
 

PProbabilità del livello dei tassi d'interesse USA a fine anno del CME Group. Il mercato sta attualmente valutando uno o due rialzi dei tassi, ma ciò non è coerente con i discorsi della Fed.
Probabilità del livello dei tassi d'interesse USA a fine anno del CME Group. Il mercato sta attualmente valutando uno o due rialzi dei tassi, ma ciò non è coerente con i discorsi della Fed.

Utili per azione dell'S&P 500 nel 2023 secondo Morgan Stanley

I risultati economici sono stati uno dei fattori scatenanti del grande rally azionario dello scorso anno. Quest'anno, tuttavia, potrebbe accadere il contrario: l'aumento dei tassi d'interesse potrebbe ridurre i consumi e l'inflazione, a sua volta, far aumentare il costo del lavoro e dei materiali. Questo è ciò che Morgan Stanley cita come uno dei maggiori rischi. Per l'intero indice S&P 500 prevede un utile per azione di 195 dollari, che corrisponderebbe a un calo del 15%-20% rispetto ai livelli attuali. Tuttavia, nella seconda metà dell'anno, prevede un nuovo rialzo e un calo di 100 punti rispetto ai livelli attuali. Anche Citigroup prevede un calo degli utili, ma non condivide la stessa visione scettica: gli utili diminuiranno, ma non tanto quanto previsto dal mercato.
 

Tuttavia, anche tra le banche ci sono degli ottimisti

Una ventata di aria fresca in termini di positività delle aspettative è stata portata dalla banca d'investimento Jeffries. Pur prevedendo un calo del 6% su base annua dell'EPS per lo S&P 500, ha evidenziato diversi aspetti positivi. Uno di questi è l'indebolimento del dollaro USA, che favorisce gli utili delle società orientate all'esportazione. La Fed afferma poi che la banca riuscirà a domare l'inflazione, che ha raggiunto un picco lo scorso giugno. Il rischio, tuttavia, è rappresentato da un mercato del lavoro ancora molto rigido, con un tasso di disoccupazione negli Stati Uniti sceso addirittura al 3,5%. Tuttavia, il primo segnale di allentamento è la minore crescita dei salari a dicembre. Anche l'apertura della Cina è positiva: la banca vede un grande potenziale di crescita. Tuttavia, la banca prevede che l'indice S&P statunitense terminerà l'anno il 5% al di sopra dell'attuale livello di 4200 punti.

Domande frequenti

Orso / Bear market
Mostra la risposta
Denominato anche "mercato orso", è un termine che indica un mercato ribassista.
Toro /Bull market
Mostra la risposta
Denominato anche "mercato toro", è un termine che indica un mercato rialzista.
Banche centrali
Mostra la risposta
Una banca centrale è un istituto indipendente che ha la responsabilità primaria della politica monetaria di un Paese. Tra le altre responsabilità della banca centrale vi è l'attuazione di obiettivi specifici quali un'inflazione ragionevole, la stabilità della moneta e la piena occupazione.
Inoltre, le banche centrali agiscono come autorità di vigilanza e controllano le attività delle banche commerciali di un paese, emettono ordini normativi, fanno circolare la moneta e agiscono come banca del governo di un paese.
Le banche centrali svolgono un ruolo importante nel mercato forex poiché, attraverso le loro politiche, influenzano il tasso di cambio della valuta nazionale. Spesso hanno un tasso di cambio target che la banca cerca di mantenere, ad esempio, attraverso interventi sul mercato o variazioni dei tassi di interesse.
FED
Mostra la risposta
La Fed è la banca centrale degli Stati Uniti d'America. Le decisioni della Fed hanno un impatto non solo sul dollaro USA, ma spesso anche su altre valute, materie prime e indici azionari. Per questo motivo, le decisioni della Fed sono oggetto di grande attenzione da parte dei trader Forex.
Punto, point
Mostra la risposta
L’espressione di prezzo delle coppie valutarie sulla base dell’ultima cifra decimale del prezzo quotato. Se il prezzo della coppia EURUSD varia da 1.17455 a 1.17456, si parla di una variazione di 1 punto. Parimenti, se il prezzo dell’USDJPY varia da 110.124 a 110.123, si parla di una variazione di 1 punto.
 
Volatilità
Mostra la risposta
La volatilità indica la volatilità del prezzo dell'asset. Indica la quantità e la frequenza delle variazioni di prezzo. Un'alta volatilità aumenta il rischio, mentre una bassa volatilità lo diminuisce.
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio elevato di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria.  76,60 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se sai come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.