Top 3 delle azioni per il dicembre 2022

Mentre gli investitori definiscono il 2022 uno dei peggiori anni per investire in azioni, i trader attivi vedono esattamente il contrario. Infatti, sia che i mercati salgano o scendano, possono speculare e potenzialmente trarre profitto da entrambi. Ecco un riepilogo dei 3 titoli che sono stati tra i più scambiati dai clienti di Purple Trading nell'ultimo mese del 2022.

Il 2022 è stato un anno in cui i trader hanno raccolto i benefici del trading attivo. I mercati azionari hanno vissuto uno dei peggiori anni di sempre: se si considera l'indice S&P 500, esso ha perso quasi il 20% nell'anno, la settima peggiore performance mai registrata. Inoltre, tutti gli indizi suggeriscono che il 2023 potrebbe proseguire in modo simile. Ciò significa alta volatilità e movimenti di mercato drammatici: cos'altro potrebbe desiderare un trader?

Meta - il vincitore tecnologico del 2023?

Il 2022 è stato letteralmente un disastro per Meta, che ha perso due terzi della sua capitalizzazione. Gli investitori non sono certo abituati a questo tipo di sviluppo: Meta stava primeggiando anche tra i migliori titoli tecnologici della storia recente. Tuttavia, come si suol dire, più alta è la salita, più dura è la caduta. Ciò è dovuto principalmente all'impazienza degli investitori nei confronti del Metaverse, che si sta rivelando un progetto fallimentare. Sembra che Meta fosse letteralmente in anticipo sui tempi con questo progetto e, sebbene Metaverse possa essere la musica del futuro, il mondo potrebbe non essere pronto ad ascoltarla in questo momento. Detto questo, ricapitoliamo gli ultimi risultati pubblicati dalla società, relativi al terzo trimestre del 2022.

I ricavi del terzo trimestre sono diminuiti del 4,5% rispetto all'anno precedente, soprattutto a causa del calo dell'interesse per gli annunci. Il prezzo medio per annuncio è sceso del 18% su base annua, ma Alphabet e Snapchat hanno registrato un andamento simile. Tuttavia, le aziende citate non hanno a che fare con il Metaverse. Quest'ultimo si sta rivelando una vera e propria macchina da soldi. Meta ha già investito oltre 30 miliardi di dollari e si prevede che gli investimenti aumenteranno quest'anno. Secondo le stime, Meta dovrebbe investire oltre 19 miliardi di dollari quest'anno, una cifra enorme. Tuttavia, l'interesse degli investitori e degli utenti per il Metaverse sta rapidamente scemando, cosa che Meta apparentemente non vuole ammettere. Tuttavia, abbandonare il progetto sarebbe una grossa perdita, a cui Mark Zuckerberg non è abituato. Tuttavia, non tutto è stato solo negativo: almeno il dato relativo al numero di utenti attivi giornalieri è stato considerato relativamente positivo. Il dato ha raggiunto 1,98 miliardi. Instagram ha stabilito un record, superando i 2 miliardi di utenti attivi giornalieri per la prima volta nella sua storia.
 

Azioni Meta nella piattaforma MT4 sul timeframe D1 con le medie mobili a 50 e 100 giorni
Azioni Meta nella piattaforma MT4 sul timeframe D1 con le medie mobili a 50 e 100 giorni
 

Cosa aspettarsi nei prossimi mesi?

Meta annuncerà i risultati finanziari dell'ultimo trimestre del 2022 all'inizio di febbraio. Cosa possiamo aspettarci? L'ultimo trimestre sarà probabilmente deludente, poiché ci aspettiamo ancora una volta un calo delle vendite su base annua. Sebbene queste ultime dovrebbero raggiungere la rispettabile cifra di 30 miliardi di dollari, il mercato si aspettava fino a 2 miliardi di dollari in più. L'ultimo trimestre dell'anno tende a essere il migliore sia per Facebook che per Instagram, grazie alla crescita dell'interesse per gli annunci. Tuttavia, Meta sta affrontando la concorrenza di TikTok, che sta registrando un'enorme crescita di interesse.

Tuttavia, Meta non sta rallentando e ha portato il formato video breve su Instagram. I cosiddetti Reel stanno attirando l'interesse degli utenti. Inoltre, la cinese TikTok sta ancora affrontando le pressioni normative negli Stati Uniti. Anche l'indebolimento del dollaro americano potrebbe essere positivo, favorendo le vendite all'estero. Verso la fine dell'anno, Meta ha anche annunciato ampi licenziamenti (circa il 13% della forza lavoro), che sono stati accolti piuttosto positivamente dal mercato. I licenziamenti dovrebbero riguardare anche i dipendenti di Metaverse. Grazie ai fattori citati, Meta potrebbe essere uno dei vincitori tecnologici del 2023, ma anche in questo caso possiamo aspettarci molta volatilità.

Tesla può guidare se stessa su una strada accidentata?

Le azioni della casa automobilistica californiana hanno avuto una fine d'anno piuttosto terribile, con un calo di circa il 40% nel mese di dicembre. Questo non è sorprendente se si considera che la capitalizzazione dell'azienda è stata a lungo molto sopravvalutata. Tesla è ampiamente sopravvalutata anche a causa di diversi fattori. Il primo è rappresentato dalle chiusure in Cina, dove Tesla produce la maggior parte delle sue auto. Inoltre, l'azienda non beneficia del fattore dei tassi di interesse elevati, che riducono la capacità dei consumatori di contrarre prestiti. E poiché queste auto tendono ad essere tra le più costose, e siamo in un periodo di riduzione della cinghia, l'attuale stato delle azioni Tesla ha solo senso.

Un altro aspetto da non dimenticare è l'elevata inflazione. Questo, insieme a un dollaro americano ancora relativamente forte, rende i materiali per la produzione di auto ancora più costosi e riduce anche le vendite all'estero. Infine, ma non meno importante, la cessione di azioni Tesla da parte di Elon Musk, motivata dalla possibilità di finanziare l'acquisto di Twitter. I fattori sopra citati sono letteralmente un mix esplosivo che ha mandato le azioni Tesla a 100 dollari.
 

Azioni Tesla nella piattaforma MT4 sul timeframe H1 insieme alle medie mobili a 50 e 100 giorni
Azioni Tesla nella piattaforma MT4 sul timeframe H1 insieme alle medie mobili a 50 e 100 giorni


Cosa aspettarsi nei prossimi mesi?

I risultati finanziari di Tesla per l'ultimo trimestre dello scorso anno saranno resi noti il 25 gennaio, ma non ci si aspetta che siano miracolosi. La casa automobilistica ha tradizionalmente reso noti i numeri delle auto consegnate e prodotte, ed entrambi i dati sono rimasti molto al di sotto delle aspettative. Mentre Tesla ha prodotto 439.000 nuove auto, ne ha consegnate "solo" 405.000 (il mercato si aspettava 427.000). Un divario così ampio tra auto consegnate e prodotte è qualcosa di mai visto prima.

Inoltre, l'azienda sta lottando contro il calo di interesse per le sue auto in Cina. Per questo motivo ha deciso di adottare la misura piuttosto drastica di rendere i modelli Y e 3 più economici. Di conseguenza, la Model Y è ora più economica del 43% in Cina rispetto agli Stati Uniti, mentre il prezzo della Model 3 è stato ridotto del 30%. Questa tendenza si diffonderà anche sul mercato statunitense? La casa automobilistica potrebbe non avere scelta.

Sembra che il 2023 sarà un anno molto difficile per Tesla. Anche i numeri record che possiamo aspettarci ogni trimestre difficilmente saranno sufficienti per il mercato. La concorrenza sta crescendo rapidamente nel mercato delle auto elettriche e Tesla sta gradualmente perdendo la sua posizione privilegiata. Inoltre, l'esercito di ammiratori di Elon Musk sembra avere le tasche vuote e un aumento delle azioni Tesla altrettanto estremo di quello che abbiamo visto negli ultimi anni sarebbe una grande sorpresa quest'anno.

Tesla potrebbe quindi diventare una delle società che impiegherà molti anni per tornare ai livelli massimi di inizio 2022, se mai lo farà. Un esempio simile può essere quello di Intel, che non ha ancora superato il suo picco del 2000 e attualmente viene scambiata a diverse decine di punti percentuali in meno. Una nota positiva è che il mercato cinese si sta aprendo di nuovo e il dollaro USA si sta indebolendo, il che potrebbe essere un buon segno per Tesla. Tuttavia, il 2023 sarà una strada accidentata e le azioni di questa società saranno probabilmente un rifugio di volatilità.

Zoom - sopravvalutato o sottovalutato?

Zoom Communications può anche essere descritto come il regno della volatilità, con un calo di valore del 63% lo scorso anno. Un tale calo era probabilmente inevitabile, visto che le azioni Zoom sono salite alle stelle durante il coronavirus. Il prezzo attuale delle azioni è paragonabile a quello di inizio 2020. L'adattamento a un mondo senza coronavirus è estremamente difficile per Zoom, che si trova quindi ad affrontare una dura realtà. Zoom può quindi essere descritta come un "one trick pony", un'azienda che non ha più nulla da offrire agli investitori a lungo termine ed è quindi ancora sopravvalutata? Oppure il prezzo attuale può essere interessante per i portafogli a lungo termine?
 

Azioni Zoom Communications sulla piattaforma MT4 sul timeframe D1 insieme alle medie mobili a 50 e 100 giorni
Azioni Zoom Communications sulla piattaforma MT4 sul timeframe D1 insieme alle medie mobili a 50 e 100 giorni


I risultati del terzo trimestre della società farebbero pensare alla prima ipotesi. I numeri in sé non sono stati così negativi: l'utile per azione di 1,07 dollari ha superato le aspettative del mercato e il fatturato di 1,1 miliardi di dollari le ha eguagliate. Ciò che non piace agli investitori, tuttavia, è il declassamento delle prospettive per il prossimo trimestre o per l'intero anno. Zoom dovrebbe chiudere il 2022 con un fatturato di 4,37 miliardi di dollari, un valore inferiore a quello stimato dalla società stessa e dagli analisti. Per Zoom è molto difficile trovare nuovi clienti e il numero di abbonamenti via web sta addirittura diminuendo. I risultati finanziari dell'ultimo trimestre del 2022 sono attesi per la fine di febbraio.

Inoltre, Zoom ha un concorrente molto forte sotto forma di una delle più grandi aziende del mondo: Microsoft. I suoi Teams stanno rubando gran parte dei clienti di Zoom. Non dobbiamo inoltre dimenticare la concorrenza di Cisco e Google. Tuttavia, le aziende citate hanno sicuramente molto di più da offrire agli investitori. Le azioni di Zoom, tuttavia, potrebbero essere aiutate da una nuova mutazione del coronavirus chiamata Kraken, che si sta diffondendo rapidamente in tutto il mondo e potrebbe nuovamente legare i lavoratori d'ufficio alle loro case. Tuttavia, il coronavirus è più che altro un fattore con cui il mondo sta imparando a convivere e una ripresa significativa delle azioni Zoom è quindi improbabile. Zoom non è quindi assolutamente un "buy" e probabilmente ci vorrebbe un miracolo per fare la differenza.

I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio elevato di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria.  76,60 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se sai come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.