Come fare trading in borsa

Il trading in borsa attira sempre più persone per diversi motivi. Probabilmente il più comune è l’idea che ci si possa arricchire, come suggerito da film di successo di Hollywood come “The Wolf of Wall Street”. Dopotutto a chi non piace guidare macchine costose, organizzarsi il proprio tempo e vedere crescere il saldo in banca. La realtà è però spesso diametralmente opposta. Se da un lato è vero che le borse possono risultare profittevoli, dall’altro è altrettanto vero che sono richiesti duri sforzi e un desiderio di imparare cose nuove. Se sei determinato a rimboccarti le maniche ed iniziare una carriera come trader, questo articolo potrà esserti utile.
 

Quali tipi di borse esistono?


È importante chiarire sin dall’inizio che esistono diverse piazze per lo scambio di denaro, materie prime, servizi, ecc. Ci concentreremo sulle borse per lo scambio di denaro, che possono essere divise in due tipi. La prima è la più nota borsa valori, ricorrente nei film di Hollywood dove una serie di persone urlano all’impazzata in una stanza piena di monitor tenendo in mano pezzi di carta più o meno stropicciati. La seconda è la borsa di future. Anche se non raccoglie l’interesse dei registi di film così spesso, può essere paradossalmente più interessante per le persone comuni.

 

Borsa valori
 

Per poter operare in borsa, è necessario disporre di un capitale maggiore (almeno decine di migliaia di euro). Per un semplice motivo - anche se le azioni di alcune società possono essere a buon mercato, se si vuole ricevere da esse somme interessanti in dividendi, è necessario investire molto e scavare a fondo nelle proprie tasche. Questo è uno dei motivi per cui il trading azionario è spesso appannaggio di individui più ricchi che possono permettersi di rischiare somme maggiori. Insomma, il rischio è parte integrante di qualsiasi negoziazione.

 

Normalmente l’importo minimo per fare trading sulle borse valori è di decine di migliaia di euro. Nel caso di trading su borse di future, si parla di migliaia di euro. Nel forex, il valore si aggira attorno a 100 -1 000 EUR.


 

Borse di future


I future appartengono ad un gruppo di prodotti chiamato derivati finanziari. La principale differenza nel fare trading in derivati finanziari è il fatto che il trader non possiede gli asset che negozia ma specula solamente sul movimento di prezzo. Non è necessario scavare nel giardino per immagazzinare 1000 barili di petrolio, ma si ha comunque l’opportunità di provare a generare un profitto da essi.
 
Il trading di future vede un acquirente che vuole acquisire un certo asset (ad es. il petrolio), ma non lo vuole ora, ma solo in futuro (da qui il termine future). La controparte è il venditore, a cui viene presentata un’offerta per un contratto “futuro” sul petrolio.
 
Tuttavia, qualcuno dovrà sancire il contratto e dare delle regole chiare da seguire. Questo è il ruolo della borsa. In pratica viene garantita una standardizzazione dei contratti in termini di volume, qualità e data di scadenza, dando alla relazione commerciale un “sigillo” di trasparenza e sicurezza. Nonostante tutti questi vantaggi, i contratti di future potrebbero comunque non essere disponibile a chiunque, in quanto il capitale iniziale per fare trading su questo mercato è nell’ordine di 3 000 EUR.
 

Mercato decentralizzato - Quando non si ha un grande patrimonio a disposizione


Se si vuole fare trading sul mercato azionario, ma l’importo richiesto è superiore alla propria disponibilità, non bisogna arrendersi, in quanto è possibile fare trading con un capitale ridotto. Tuttavia, come il nome stesso suggerisce, non è la stessa cosa che fare trading sulle azioni in borsa, in quanto gli scambi avvengono su un mercato interbancario decentralizzato e gli ordini vengono elaborati direttamente dal broker con cui si opera, generalmente un broker forex.

 

Cosa si negozia su questi mercati


 I contratti future sopra indicati non sono i soli derivati finanziari che possono essere negoziati. Più frequentemente utilizzati e più popolari tra il pubblico vi sono i prodotti CFD (contratto per differenza). A differenza dei future, in questo caso il trader non stipula un contratto con una borsa valori, ma solo con il proprio broker.

 

I prodotti CFD più comuni includono:

 
  • Forex (speculazione sugli sviluppi di prezzo di una coppia valutaria)
  • Materie prime (oro, argento, petrolio, ecc.)
  • Indici azionari (DAX, NASDAQ, S&P 500, ecc.)
  • Criptovalute

Vogliamo sottolineare che dal momento che si tratta di derivati, il trader non diventa proprietario di nessun attivo negoziato, ma opera sola una speculazione di prezzo.

Principali vantaggi del trading con CFD

 

Possibilità di operare con un capitale ridotto

 

 Nonostante per fare trading in borsa sia necessario un capitale di decine di migliaia, se non centinaia di migliaia di euro, per fare trading sul forex (o altri prodotti CFD), l’importo di capitale iniziale richiesto per aprire un conto è nell’ordine di migliaia di euro. Nel caso di Purple Trading il requisito minimo è di 100€.
 

Ampia gamma di asset negoziabili

 

Oltre ad un grande numero di coppie valutarie, i broker forex offrono anche indici azionari, materie prime (oro, argento, petrolio) e criptovalute. Il trader non deve concentrarsi su un solo mercato ma può diversificare il proprio portafoglio in base alle sue idee.
 

Possibilità di speculare su rialzi e ribassi dei prezzi

 
A differenza dei titolari di azioni, i trader di CFD non devono preoccuparsi dei cali di prezzo degli asset. Alle volte è proprio l’opposto. Se sei sicuro che il mercato non se la passa bene e continuerà in tale direzione e il prezzo calerà, hai l’opportunità di speculare su un calo di prezzo e generare potenzialmente un profitto.
 

Trading con leva finanziaria

 

La leva determina il rapporto tra l’importo di capitale investito in una certa operazione e i fondi forniti dal broker. In pratica il broker fornirà un certo importo per ogni operazione, che potrai utilizzare solo per fare trading. In questo modo potrai operare con importi superiori a quelli disponibili sul tuo conto.
 
La leva offerta da broker regolamentati nell’UE è normalmente di 1:30. Questo significa che se investi 1000 EUR, avrai 30.000 EUR a disposizione da investire. Sembra molto invitante, ma bisogna ricordarsi che la leva può portare sia a maggiori profitti che a maggiori perdite. Questo vale soprattutto per i trader principianti.
 

 

Qual è il ruolo di un broker

È molto più pratico utilizzare i servizi dei broker per entrare sul mercato azionario e, in alcuni casi, è anche l’unico modo per entrare sul mercato, come ad esempio nel forex. Affinché un broker ti possa rappresentare, deve avere diversi tipi di licenze valide. I broker assumono il ruolo di intermediario tra il trader e il mercato su cui si inoltreranno gli ordini di trading. Il modo in cui il broker “tratta” la tua richiesta e cosa succede ad esse viene determinato dal modello con cui opera il broker.

Ecco le tipologie di base di broker forex: 


Broker basato sul modello STP

In questo caso il broker funge proprio da intermediario tra il trader e il mercato in cui l’ordine trova una controparte. I broker di questo tipo prendono in carico il tuo ordine e trovano la migliore controparte, il che comporta un prezzo più alto che il trader deve pagare. Tale costo è generalmente chiamato spread, ovverosia la differenza tra il prezzo offerto e il prezzo richiesto. Tuttavia, qui il trader può stare tranquillo che il broker non manipola l’ordine, in quanto non può fisicamente farlo, perché non può determinare a quale parte interessata assegnerà l’ordine.
 

Market maker

A differenza dei broker STP, un broker market maker assume il ruolo della controparte nell’operazione. Questo spesso si traduce in spread complessivamente più bassi e un’elaborazione degli ordini più rapida, ma vi sono casi noti in cui i broker market maker hanno manipolato i prezzi o ridotto in modo artificiale la velocità di esecuzione. Maggiori informazioni sulle differenze tra come operano i broker STP e Market Maker sono disponibili qui.
 
 

Come scegliere un broker adatto


Quando si sceglie un broker, bisogna prendere in considerazione, in particolare, i prezzi dello spread, la velocità di esecuzione (chiamata latenza), ma anche se il broker ha sede in UE ed è quindi regolamentato. Bisogna tenere a mente che i servizi finanziari come il forex (speculazione sul prezzo di coppie valutarie) sono meno regolamentati nei paesi non afferenti all’Unione europea. Questo può essere un terreno fertile per broker fraudolenti.
 

 

Apri un conto demo e prova a fare trading con denaro virtuale.

 

Come iniziare a fare trading Forex​

Come menzionato sopra, il primo passo è aprire un conto demo gratuito e fare trading con denaro virtuale, che può essere ricaricato gratuitamente su richiesta. Al contempo, la persona interessata a fare trading dovrebbe anche istruirsi attivamente. Esistono diverse pubblicazioni gratuite, video, recensioni e tutorial su Internet sulle basi del trading e sui metodi più avanzati che si possono impiegare.
 

Esistono diverse opzioni formative per i trader principianti

 

Apertura di un conto demo gratuito

Permette di fare trading sul mercato reale ma con denaro virtuale, che si può aggiungere su richiesta. Questa è un’ottima scelta per tutti i trader principianti.

 Puoi aprire un conto demo gratuito QUI.

 

Ebook

Su internet si trovano molti Ebook con informazioni di base sul trading forex. Se vuoi risparmiare tempo e non cercare e leggere un’enciclopedia del forex, clicca qui. In alternativa, consulta un Ebook su come fare trading nel forex con un capitale limitato.
 

 

Webinar e seminari

Se sei tra coloro che imparano più velocemente con degli interventi orali, i webinar e seminari fanno al caso tuo. Tali eventi sono generalmente gratuiti e uno dei vantaggi è la possibilità di fare ai relatori domande specifiche.

 

Articoli e video formativi

La formazione dei clienti e la loro capacità di fare trading in modo profittevole dovrebbe essere una priorità assoluta per i broker. Il motivo è semplice: tali clienti faranno trading più a lungo. Sulla maggior parte dei siti dei broker troverai quindi anche sezioni dedicate alla formazione con articoli, grafici e video.

 

 

Come fare trading Forex con un capitale ridotto


Quali prodotti finanziari offrono i broker forex

Se vuoi prendere parte attivamente al trading...

 

Oltre a speculare sul calo o aumento di prezzo su certe coppie valutarie è possibile anche speculare sull’andamento dei prezzi di altri prodotti CFD come indici azionari (NASDAQ, DAX ecc.), metalli preziosi (oro e argento) o sul petrolio. Tali prodotti finanziari sono tra i più interessanti, ma comportano un elevato grado di rischio. Pertanto, è consigliabile far trading prima su dei conti demo e formarsi al contempo nel trading.
 

 

Se non vuoi fare trading autonomamente, diventa un investitore.


Non tutti hanno l’ambizione di diventare dei trader. Ti chiederai cosa si può fare se si vuole investire ma non si hanno i mezzi per fare trading su un mercato azionario. Il mercato finanziario è molto competitivo, quindi non sorprende che i broker si sono ingegnati per dare risposta a questa domanda.
 

Oggi è possibile scegliere tra diverse opzioni di investimento passivo come:

 
  • Portafoglio di ETF - Si tratta di una serie di azioni o obbligazioni in cui è possibile investire. Di norma si parla di investimenti passivi di lungo termine con diversi gradi di redditività e rischio. (Con broker come Purple Trading è possibile iniziare ad investire con un importo minimo di 20 EUR).
  • Strategie forex - Molti trader professionali offrono le proprie strategie agli investitori. In questo caso il broker funge da collegamento. Il cliente si registra quindi con un broker, che lo connette ad una strategia di un trader professionale, che addebita una certa commissione. Il professionista opera quindi con il denaro del cliente/investitore.
  • Copy trading - Si tratta di un metodo simile alle strategie forex, ma con la differenza che i clienti possono connettersi tra loro. Il punto è quindi trovare il trader/cliente di maggior successo e seguire la sua strategia.

Se vuoi fare trading in reale


   Il tuo capitale è a rischio.
Politica sui cookie: il sito web Purple Trading utilizza i cookie. Continuando a utilizzare il sito web, acconsenti al loro utilizzo. Avviso di rischio: il trading di prodotti con leva, come Forex e CFD, potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori, in quanto comporta rischi notevoli per il tuo capitale. Leggi tutte le informative e gli avvisi di rischio.