67,90 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore.
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio elevato di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. 67,90 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se sai come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Vedremo un Rally di Babbo Natale nel 2023?

Pubblicata: 10.10.2023

A meno di tre mesi dal Natale, i trader sono alla ricerca di opportunità per rendere le loro vacanze natalizie finanziariamente più piacevoli. Una di queste opportunità è il fenomeno noto nel linguaggio finanziario come Rally di Babbo Natale. Nell'articolo di oggi parleremo di questo fenomeno.

Con l'avvicinarsi delle festività, il sentimento rialzista torna spesso sui mercati. Questo fenomeno è molto gradito a trader e speculatori, soprattutto perché porta con sé opportunità potenzialmente interessanti per guadagnare qualche soldo in più prima di Natale. Diamo quindi un'occhiata più approfondita al Rally di Babbo Natale e vi diciamo quando inizia e a cosa prestare attenzione.

 

Che cos'è il rally di Santa Claus?

Il rally di Babbo Natale è una tendenza stagionale del mercato azionario durante la quale i titoli tendono ad apprezzarsi verso la fine dell'anno fiscale. Questo fenomeno è stato notato per la prima volta da Yale Hirsch e descritto nel suo libro del 1972 The Stock Trader's Almanac. Storicamente, il Rally di Babbo Natale si è verificato il 76% delle volte tra il 1950 e il 2019. Secondo lo Stock Trader's Almanac, il mercato è salito in media dell'1,3% ogni anno durante questo periodo.
 

Quando inizia il rally di Babbo Natale?

Anche se statisticamente sembra interessante, i mercati non possono mai prevedere con esattezza se e quando si verificherà il Rally di Babbo Natale. Ad esempio, i media a volte si riferiscono al rally di Babbo Natale come al periodo che inizia il giorno del Ringraziamento, una festività mobile che cade il quarto giovedì di novembre negli Stati Uniti, e continua per tutto dicembre. Secondo Hirsch, il rally di Babbo Natale si verifica nell'ultima settimana prima del 25 dicembre e dura fino al 2 gennaio.

La settimana successiva alle festività natalizie, tuttavia, è tradizionalmente molto tranquilla. Il che ha senso. Molti partecipanti al mercato vanno in vacanza e i volumi sono bassi. La scarsa liquidità crea quindi un movimento laterale, che a volte può comportare brusche oscillazioni della volatilità della durata di pochi minuti o secondi. Questi fenomeni tendono a verificarsi durante la sessione asiatica, dove la liquidità è molto più bassa rispetto alle sessioni di Londra o New York.

Ai fini di questo articolo, consideriamo che il Rally di Babbo Natale si verifica 5 giorni prima delle festività natalizie. La figura seguente mostra come questo fenomeno si sia manifestato negli ultimi 20 anni:

Variazioni dei prezzi dell'indice SP500 nell'ultima settimana prima delle vacanze di Natale. Fonte: www.investopedia.com
Variazioni dei prezzi dell'indice SP500 nell'ultima settimana prima delle vacanze di Natale. Fonte: www.investopedia.com

 

Possiamo notare che nella maggior parte dei casi in questo periodo si è verificato un aumento del prezzo delle azioni, che in due casi ha superato il 4%. In otto casi, invece, la crescita è stata inferiore all'1% e in tre casi si sono registrate addirittura delle perdite. Il Rally di Babbo Natale è quindi un fenomeno statisticamente probabile, ma non garantito, e l'entità dell'apprezzamento dell'indice in questo periodo è molto variabile.

Vediamo ora il quadro più ampio, ovvero la stagionalità dell'ultimo trimestre dell'anno:

Stagionalità dell'indice SP 500. Fonte: www.charts.equityclock.com
Stagionalità dell'indice SP 500. Fonte: www.charts.equityclock.com


Si può notare che l'indice ha guadagnato in media l'1,3% in ottobre, l'1,8% in novembre e lo 0,9% in dicembre. Naturalmente, questa è solo una statistica e ci sono stati momenti in cui l'indice ha registrato perdite durante il periodo.

Quali sono le cause del Rally di Babbo Natale?

Ci sono diverse teorie alla base di questo fenomeno, ma le ragioni principali sono sostanzialmente le seguenti

  • I dipendenti ricevono bonus annuali e questo permette loro di spendere di più. È improbabile che la maggior parte di loro compri azioni in questo periodo, ma l'aumento della spesa per i beni acquistati migliorerà i profitti delle aziende nell'ultimo trimestre dell'anno e il mercato lo valuta in anticipo sui prezzi.
  • I sostenitori della teoria secondo cui il rally si verifica dopo Natale sostengono che il minor volume di scambi in questo periodo rende più facile per gli investitori rialzisti far muovere il mercato.
  • Esistono anche teorie secondo cui il rally di Santa Claus si verifica perché gli investitori istituzionali vanno in vacanza durante le festività e non fanno trading attivo in questo periodo. Questa teoria presuppone che gli investitori al dettaglio tendano a essere più rialzisti e che, quando possono avere un maggiore impatto sul mercato, facciano salire i prezzi delle azioni.
  • Un'altra teoria sostiene che gli investitori si stiano preparando all'"effetto gennaio", un fenomeno di calendario distinto in cui alcuni titoli tendono a salire più di altri nel periodo successivo alle vacanze, all'inizio di gennaio. Si ritiene che l'effetto gennaio derivi dalla realizzazione di perdite fiscali a dicembre per pagare meno tasse possibili, sottraendo le perdite realizzate dalle plusvalenze realizzate. Gli investitori acquistano poi nuovamente le azioni a gennaio.

Tutte queste ragioni hanno una loro logica. Ma come abbiamo visto, questo rally non si verifica sempre. Pertanto, è bene tenere conto della situazione in cui si trovano attualmente i mercati.

Cosa minaccia la nascita di un Rally di Babbo Natale per il 2023?

Il rally di Babbo Natale di quest'anno potrebbe essere minacciato per i seguenti motivi:

 
  • L'inflazione è ancora troppo alta: Sebbene l'inflazione statunitense sia riuscita a scendere dal 9,1% del 2022 al 3,7%, il dato di agosto, è ancora molto lontana dall'obiettivo di inflazione del 2% fissato dalla Fed. Inoltre, l'inflazione è aumentata ancora marginalmente nei mesi di luglio e agosto 2023.

  • Politica della Fed​: L'inflazione elevata costringerà la Fed ad adottare un tono da falco. Lo abbiamo visto nell'ultima riunione della Fed a settembre, quando Jerome Powell non ha escluso la possibilità di un altro rialzo dei tassi a novembre.

  • Rendimenti del Tesoro USA​: Il rendimento del Tesoro a 30 anni ha testato il livello chiave del 5%. Ciò significa che il finanziamento del debito sta diventando molto costoso per le aziende statunitensi. Ma gli elevati tassi obbligazionari rappresentano un rischio per i mercati azionari anche da un altro punto di vista. Infatti, molti investitori preferiranno un investimento "sicuro" in titoli di Stato statunitensi, che produrranno un interessante rendimento stabile, all'incertezza della volatilità dei titoli azionari.

  • Un dollaro forte​: Il dollaro ha superato quota 107,00 sull'indice USD. Un dollaro forte è negativo per le azioni statunitensi, le materie prime e la maggior parte delle coppie di valute. Il dollaro è sostenuto nella sua ascesa dalla politica falco della Fed e dagli alti rendimenti obbligazionari statunitensi.

  • Mercato immobiliare negli Stati Uniti​: I tassi di interesse elevati si riflettono sui tassi ipotecari. Negli Stati Uniti sono saliti a una media del 7,48% per un mutuo a tasso fisso di 30 anni. Questa situazione è ovviamente difficile per gli acquirenti di case, il cui costo mensile per finanziare l'80% del valore di una casa media è aumentato del 21% rispetto ad agosto 2022. 
    Sebbene i tassi ipotecari stiano attenuando la domanda, c'è ancora una carenza di immobili sul mercato, che esercita una pressione al rialzo sui prezzi. Ciò rende l'acquisto di una casa sempre più difficile per molti americani.

  • Rallentamento della Cina: La Cina è il più grande acquirente al mondo di tutti i beni di consumo e quando la sua economia funziona a pieno ritmo, gli Stati Uniti ne traggono naturalmente vantaggio. Ma quest'anno la situazione non è positiva per l'economia cinese. E quando la Cina rallenta, rallenta anche la performance di molte altre economie.
    A fine settembre, l'indice Hang Seng di Hong Kong perdeva il 19% rispetto ai massimi dell'anno. Allo stesso tempo, lo yuan cinese è sceso ai minimi di 16 anni rispetto al dollaro USA. La debolezza dello yuan rende le importazioni di beni in Cina più inaccessibili ed esercita una pressione al rialzo sull'inflazione.

  • Aumento dei prezzi del petrolio: Quest'anno il greggio WTI ha raggiunto un prezzo di 95,3 dollari al barile, mentre il Brent è stato venduto a quasi 96 dollari al barile. In passato, i prezzi elevati del petrolio hanno sempre causato problemi all'economia. Come minimo, fa salire l'inflazione e rende più costosi i fattori di produzione per le aziende. E poiché l'OPEC si attiene al suo piano di riduzione della produzione di petrolio, non sembra che il prezzo del petrolio inizi a scendere in modo significativo.

  • Rischio geopolitico - guerra in Ucraina​: La guerra sta mettendo a dura prova i bilanci dei Paesi occidentali che sostengono l'Ucraina nella difesa del Paese dall'aggressore russo. Il finanziamento dell'Ucraina sta quindi costringendo i Paesi assistenti a cercare altrove le riserve di bilancio per coprire il debito crescente. Del resto, quest'anno abbiamo assistito più volte a drammatiche discussioni sul tetto del debito negli Stati Uniti.

 

Ci sono quindi più che sufficienti elementi fondamentali che potrebbero minacciare la crescita del titolo nell'ultimo trimestre del 2023. Tuttavia, nei mercati non c'è nulla di bianco o di nero e questi contesti non sono nuovi, quindi probabilmente il mercato li ha già considerati in qualche modo nei suoi prezzi. Inoltre, la stagione degli utili è alle porte e gli utili societari, in particolare nel settore tecnologico, in piena espansione grazie allo sviluppo dell'intelligenza artificiale, potrebbero dare ai tori la spinta attesa. Trader, investitori e analisti tengono d'occhio anche la scena politica statunitense. Al momento, sembra che il 17/11 negli Stati Uniti sia imminente uno shutdown del governo, che avrebbe un certo impatto sui mercati.

Conclusioni

I trader dovrebbero prestare attenzione non solo all'analisi tecnica e ai dati fondamentali nelle loro decisioni, ma anche alle tendenze cicliche che possono apportare un ulteriore elemento al loro portafoglio di strategie di trading. Il Rally di Babbo Natale è uno di questi. Tuttavia, è importante ricordare che le performance passate non garantiscono certo un comportamento simile in futuro. Infatti, ci sono diversi fattori e rischi che potrebbero far sì che quest'anno sia diverso.

Articolo consigliato

67,90 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore.
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio elevato di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. 67,90 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se sai come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.