67,90 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore.
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio elevato di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. 67,90 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se sai come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

TOP 3 azioni per dicembre 2023

Pubblicata: 05.01.2024

Vi state chiedendo dove cercare la volatilità per speculare sui mercati azionari? Il nostro regolare riepilogo dei 3 titoli più scambiati dai clienti di Purple Trading per il mese di dicembre vi darà un suggerimento.

Il ritorno della gloria passata di Carrefour?

Le azioni Carrefour SA si sono aggiunte alla lista dei titoli più scambiati del mese. Ciò che rende la cosa ancora più interessante è che sono state addirittura in cima alla classifica dei titoli più interessanti per i clienti di Purple Trading nel mese di dicembre. La nota catena di supermercati ha avuto un anno piuttosto al di sotto della media, con le sue azioni che sono salite meno del 5% e quindi in ritardo rispetto al mercato (gli indici Euro Stoxx hanno registrato guadagni a due cifre).

Osservando il grafico a lungo termine, è evidente che le azioni Carrefour sono particolarmente favorite dai trader attivi. Gli investitori che preferiscono lo stile "buy and hold" non hanno goduto di molta gioia negli ultimi anni. Almeno il rendimento da dividendo, attualmente superiore al 3%, può essere interessante. Tuttavia, in un momento in cui il titolo sta sottoperformando il mercato, il dividendo è una magra consolazione. Il lato positivo, tuttavia, è rappresentato dai riacquisti di azioni della società, che ha promesso 800 milioni di euro di riacquisti per il 2023, che probabilmente ha mantenuto. Ma perché le azioni Carrefour sono così popolari e qual è il loro potenziale futuro?
 

Azioni di Carrefour SA su grafico D1, MT4
Azioni di Carrefour SA su grafico D1, MT4

 

Carrefour si sta trasformando, concentrandosi principalmente sui mercati europeo e latinoamericano. Tuttavia, sta lottando con molti ostacoli in entrambi i mercati. Tra questi, la debole crescita economica in Europa e la normalizzazione economica nelle Americhe. Inoltre, Carrefour ha completamente abbandonato la sua presenza in Asia e si sta concentrando principalmente sulle vendite digitali e online. Questa mossa è stata costosa, ma sta già raccogliendo i primi frutti. Gli ordini online e le consegne a domicilio stanno crescendo in modo sostanziale e sono certamente il futuro del settore. Anche l'uscita dall'Asia si sta rivelando una mossa azzeccata, con Carrefour che ha venduto le sue ultime attività nel 2022. Soprattutto alla luce degli attuali problemi economici della Cina.

Attualmente Carrefour realizza il 46% delle sue vendite in Francia, il 28% nel resto d'Europa e il 26% in America Latina. Sta andando particolarmente bene in Brasile, dove è anche leader di mercato grazie all'acquisizione del Grupo Big. Sono le vendite in America Latina a crescere al ritmo più interessante, rendendola una miniera d'oro per Carrefour. Ma la domanda è come l'azienda riuscirà a generare profitti in un contesto di inflazione in calo, soprattutto in un mercato in cui i margini sono minimi. Inoltre, Carrefour è in fase di trasformazione fino al 2026 e a quel punto potrebbero verificarsi fluttuazioni significative, a cui il titolo non è nuovo. Pertanto, gli utili in particolare offriranno interessanti opportunità di trading per i trader attivi, con ulteriori novità in arrivo il 20 febbraio.

Scopri come trarre potenzialmente profitto quando le azioni stanno crollando

Con Purple Trading hai la possibilità di negoziare azioni utilizzando i contratti per differenza (CFD), consentendoti di capitalizzare potenzialmente i ribassi del mercato. Come? Il nostro ebook gratuito ha le risposte!

Disney: un ritorno alla ribalta?

L'anno 2023 è stato uno dei migliori per le azioni statunitensi, con l'indice S&P 500 in crescita di oltre il 26% e l'indice tecnologico Nasdaq del 43%. Tuttavia, c'è stato un nome famoso che non ha registrato alcuna crescita: Disney. Le azioni Walt Disney hanno chiuso il 2023 con un guadagno di appena l'1,5%. Anche se l'inizio dell'anno 2023 è stato un sogno per Disney, con le azioni che hanno guadagnato il 25% nel solo mese di gennaio. Tuttavia, con l'avanzare dell'anno, questi guadagni sono stati costantemente erosi, scendendo al livello più basso degli ultimi 9 anni.

Qual è il problema di Disney? Le nubi si addensano in particolare sui parchi a tema e sui Marvel Studios. Entrambi sono stati in passato delle vacche da mungere per la Disney. Durante l'estate i parchi a tema sono stati più vuoti di quanto l'azienda avrebbe voluto, soprattutto il parco della Florida.

I problemi dei Marvel Studios sono stati evidenti: la qualità e le vendite dei singoli progetti sono diminuite costantemente. Alcuni film sono finiti a malapena in attivo, cosa a cui la Disney non è certo abituata dopo che in passato il blockbuster Avengers ha battuto i record di presenze e di vendite. Il costo dei nuovi progetti, tuttavia, è in aumento: la serie Secret Invasion, ad esempio, è costata oltre 210 milioni di dollari, ma le recensioni sono a dir poco inconsistenti.

Al momento, la Disney sembra disperare di fornire quanti più contenuti possibili alla sua piattaforma Disney+ per attirare nuovi abbonati. Disney e Marvel stanno pagando il prezzo del loro successo passato: nell'era pre-pandemica, la società approvava praticamente ogni progetto perché vedeva dietro di sé un successo commerciale praticamente certo.


Azioni Disney su grafico D1, MT4
Azioni Disney su grafico D1, MT4

 

Disney è stata costretta a fare una svolta a causa delle circostanze. Ha assunto un nuovo capo, Bob Iger, e ha licenziato migliaia di persone per indagare. Gli ultimi risultati trimestrali mostrano già la luce alla fine del tunnel. Il numero totale di abbonati a Disney+ è già cresciuto a 150 milioni e la piattaforma potrebbe finalmente registrare un profitto entro la fine dell'anno. I profitti totali del trimestre sono aumentati del 173% rispetto all'anno precedente e i ricavi sono cresciuti del 5%. Nonostante la debolezza dell'estate, i parchi a tema sono finalmente tornati a prosperare e la Disney ha in programma di investire pesantemente in essi nel prossimo decennio.

Inoltre, il nuovo CEO sta riuscendo a ridurre in modo significativo i costi complessivi. Anche la fine dello sciopero a Hollywood potrebbe aiutare la Disney, sebbene l'abbia costretta a rimandare diverse prime. Nel complesso, il prossimo periodo sarà di transizione per Disney e il titolo potrebbe subire una maggiore volatilità nel breve termine. Tuttavia, a lungo termine, le azioni Disney appaiono interessanti e se i parchi a tema ripeteranno la loro crescita e riusciranno a far fruttare la piattaforma Disney+, il titolo potrebbe tornare molto rapidamente ai massimi dell'anno scorso.

Aumenta le tue conoscenze di trading con Purple Academy!

I trader di successo non smettono mai di imparare. Per questo motivo abbiamo creato la Purple Academy, dove potrai trovare articoli interessanti, ebook che ampliano le conoscenze e tutorial di trading dettagliati. Quindi, se sei interessato, tuffati e inizia a imparare! (È gratis).

Le azioni Shopify sono troppo care?

Se c'è qualcuno che è stato in grado di sfruttare appieno l'enorme rally azionario che ha travolto i mercati statunitensi dallo scorso novembre, è il titolo Shopify. Alla fine di ottobre, le azioni erano ancora un terzo al di sotto del livello attuale. Ma poi Shopify ha riportato ottimi risultati, arrivati al momento giusto. Il rally che ne è seguito ha fatto salire il titolo di decine di punti percentuali e alla fine le azioni Shopify hanno chiuso il 2023 con un apprezzamento del 118%. La domanda che sorge spontanea è: queste azioni sono troppo care?

Diamo innanzitutto un'occhiata agli straordinari risultati di Shopify. I ricavi e gli utili hanno nettamente superato le aspettative e, a differenza del precedente terzo trimestre, Shopify ha registrato un utile. Il fatturato totale delle piattaforme di Shopify è stato di 56 miliardi di dollari, con un aumento del 22% rispetto all'anno precedente. L'azienda ha anche effettuato un significativo ridimensionamento, licenziando il 20% della sua forza lavoro a maggio. Grazie all'ottimo Q3, si prevede che il fatturato totale crescerà del 25% nel 2023. È stata questa previsione a innescare un enorme rally delle azioni di Shopify.
 

Azioni di Shopify su grafico D1, MT4
Azioni di Shopify su grafico D1, MT4


L'anno scorso l'azienda ha anche ceduto la sua attività logistica in perdita e così facendo è tornata alle sue origini, offrendo principalmente software ed elaborazione dei pagamenti per negozi online di piccole e medie dimensioni. Gli effetti positivi sono già visibili negli ultimi utili: è stata la vendita dell'attività logistica a riportare l'azienda in attivo. Pertanto, anche quest'anno potrebbero arrivare numeri positivi. Tuttavia, le aspettative elevate possono sembrare rischiose, soprattutto dopo l'enorme rialzo del titolo dalla fine dell'anno. Il titolo ha guadagnato oltre il 60% solo dall'inizio di novembre. Dato che Shopify non è stata redditizia per molto tempo, un'occhiata al rapporto P/E non ha senso.

Analizziamo quindi il rapporto prezzo/vendite (P/S). Attualmente è pari a 14,3, un valore piuttosto elevato. Durante la copertura, quando il titolo stava battendo i record di tutti i tempi, il rapporto in questione ha superato più volte i 60, ma il confronto più pertinente è con il periodo intorno al 2018. All'epoca, il rapporto P/S era a livelli simili a quelli attuali, ma da Shopify ci si aspettava un'enorme crescita, che l'azienda ha realizzato. Ora, sebbene ci si aspetti una crescita, questa sarà significativamente inferiore. Inoltre, Shopify non è un'attività "saas" pura, quindi i suoi margini sono inferiori a quelli di altre società. I guadagni di Shopify non saranno probabilmente strabilianti e quindi la valutazione attuale potrebbe non essere così attraente per gli investitori. Pertanto, possiamo aspettarci una forte volatilità di Shopify quest'anno.

Articolo consigliato

67,90 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore.
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio elevato di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. 67,90 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se sai come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.