67,90 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore.
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio elevato di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. 67,90 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se sai come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Questi titoli CFD sono da non perdere!

Pubblicata: 11.05.2023

La stagione degli utili è tornata in pieno svolgimento negli Stati Uniti e i mercati azionari stanno sperimentando una maggiore volatilità. I clienti di Purple Trading che speculano sul rialzo o sul ribasso di un titolo utilizzando i CFD lo sanno bene. Quali sono stati i titoli più popolari nel mese di aprile? Continueranno a essere interessanti per gli speculatori?

NIO - la cinese Tesla si riprenderà dal fondo?

Se detieni le azioni NIO nel vostro portafoglio a lungo termine, probabilmente non è la tua posizione migliore. Il titolo è sceso di quasi il 20% dalla sua IPO nel 2018, del 15% dall'inizio di quest'anno e del 10% nell'ultimo mese. Osservando il grafico a lungo termine, tuttavia, si può notare un'impennata all'inizio del 2021, quando la frenesia per la casa automobilistica Tesla ha spinto NIO ai massimi storici. Da allora, tuttavia, il ribasso è stato più favorevole agli speculatori. Quest'anno il titolo NIO non è stato nemmeno aiutato dal ritorno del sentimento di rischio sui mercati. Inoltre, il titolo non ha reagito in modo positivo alla riapertura dell'economia cinese e attualmente si trova molto vicino al suo minimo annuale. Qual è il motivo?

I risultati economici dell'ultimo trimestre dello scorso anno sono stati letteralmente tragici. La perdita è stata più del doppio di quella prevista dal mercato e anche le vendite sono state inferiori alle aspettative. Negli ultimi anni ci siamo abituati a vedere alcune aziende in crescita che godono del favore degli investitori nonostante le perdite crescenti. Ma la parola crescita è fondamentale in questo caso. Il fatturato di NIO per il trimestre è stato di 2,33 miliardi di dollari, mentre il mercato si aspettava 2,5 miliardi di dollari. Se c'è una cosa che non piace al mercato è la debolezza delle prospettive. Per il primo trimestre dell'anno, NIO si aspettava di consegnare tra i 31.000 e i 33.000 veicoli. Tuttavia, nei mesi di gennaio e febbraio ne ha consegnati solo 20.000, per cui a marzo la casa automobilistica ha dovuto recuperare un po' di terreno. Inoltre, NIO ha consegnato 40.000 auto nel quarto trimestre, quindi è probabile che il calo rispetto al trimestre sia significativo.
 

Azioni NIO sulla piattaforma MT4 sul timeframe H4 insieme alle medie mobili a 50 e 100 giorni
Azioni NIO sulla piattaforma MT4 sul timeframe H4 insieme alle medie mobili a 50 e 100 giorni


Le azioni cinesi sono state almeno aiutate dai dati positivi dell'economia nazionale durante la fine dell'anno, ma il PMI manifatturiero di aprile è stato sorprendentemente deludente. Si è attestato a soli 49,2, un calo significativo rispetto ai 51,9 di marzo. Pertanto, anche l'industria manifatturiera cinese e quindi la domanda potrebbero non essere così brillanti quest'anno come ci si aspettava. I risultati economici del primo trimestre dovrebbero essere resi noti all'inizio di giugno, ma la data esatta non è ancora stata confermata. Date le difficoltà della casa automobilistica a contenere le perdite e ad aumentare le vendite, è possibile che i risultati rimangano sotto pressione. Pertanto, i 14 miliardi di dollari di capitalizzazione possono sembrare ancora piuttosto ottimistici. Inoltre, le auto di NIO tendono a essere più costose e, con la minaccia di una recessione globale, la domanda potrebbe diminuire ulteriormente. Inoltre, Tesla è un concorrente importante e ha già scontato più volte le sue auto per il mercato cinese.

TESLA - le continue variazioni di prezzo spaventano gli azionisti

Passiamo dalla cinese Tesla a quella americana, perché anche le sue azioni sono state molto popolari tra i clienti di Purple Trading ad aprile. Dall'inizio dell'anno hanno fatto molto bene, guadagnando più del 50%. Tuttavia, Tesla ricorda certamente giorni migliori: a febbraio il titolo era in rialzo di 45 dollari e nell'ultimo mese ha perso quasi il 10%. Uno dei motivi è il timore generale di una recessione globale, che certamente ridurrebbe in modo significativo la domanda di nuove auto. Tuttavia, almeno per Tesla, è chiaro che la domanda è in calo da tempo, e ciò si riflette nell'imbarazzante politica dei prezzi della casa automobilistica. Il primo taglio dei prezzi alla fine dell'anno scorso non è stato preso affatto bene dal mercato, con le azioni che hanno toccato i minimi di un anno. Quest'anno, Tesla ha continuato con altri sei tagli di prezzo, che hanno interessato praticamente tutti i mercati. Negli Stati Uniti, ad esempio, il prezzo della Model 3 è sceso del 14% e quello della Model Y del 24%. Elon Musk ha dichiarato da tempo che Tesla vuole aumentare le vendite e i profitti attraverso il volume, cioè producendo più auto a un prezzo più basso. Ma all'inizio di maggio ha aumentato nuovamente i prezzi negli Stati Uniti, in Canada, Giappone e Cina. In che modo questi aumenti di prezzo hanno influito sui profitti di Tesla? Non molto positivo.
 

Azioni TSLA sulla piattaforma MT4 sul timeframe H4 insieme alle medie mobili a 50 e 100 giorni
Azioni TSLA sulla piattaforma MT4 sul timeframe H4 insieme alle medie mobili a 50 e 100 giorni


Logicamente, i margini e gli utili complessivi ne hanno risentito. Nel primo trimestre sono diminuiti del 24% rispetto all'anno precedente, scendendo a 2,51 miliardi di dollari. Tesla ha attribuito la colpa all'aumento dei prezzi delle materie prime e ai minori introiti derivanti dalla vendita di crediti di emissione. Le vendite sono aumentate del 24% a 23,33 miliardi di dollari, battendo leggermente le aspettative del mercato. Durante il 1° trimestre, Tesla ha prodotto 440.000 nuove auto e ne ha consegnate 422.000. Per l'intero anno 2023, si prevede una crescita del fatturato del 22% e un calo degli utili del 17%. Inoltre, Tesla non è favorita dall'umore negativo generale dei mercati e le sue azioni rifletteranno non solo i risultati economici ma anche i dati economici.

L'industria automobilistica può essere descritta come altamente ciclica, e la semplice riduzione dei prezzi delle auto Tesla (il prezzo medio di un'auto venduta è sceso di 6100 dollari a 46000 dollari su base annua) e il divario tra le auto consegnate e quelle prodotte, indicano già un calo della domanda. Tesla dovrebbe consegnare le prime auto Cybertruck nel corso del terzo trimestre, ma non è certo che riuscirà a rispettare questa scadenza. Anche il raggiungimento dei 2 milioni di auto prodotte nel 2023, annunciato da Elon Musk lo scorso anno, sembra improbabile. Alla luce di questi problemi, i rischi tendono a superare gli aspetti positivi di Tesla e il titolo potrebbe presto scendere ulteriormente.

UBER - un ribelle tecnologico in ascesa?

Le azioni di Uber hanno cavalcato l'onda del sentimento positivo di inizio anno, guadagnando oltre il 50%. Inoltre, a differenza delle società sopra citate, Uber ha mostrato risultati che hanno soddisfatto gli investitori. Questo "ribelle" della tecnologia, che negli ultimi anni è stato perseguitato da uno scandalo dopo l'altro, è dunque in ascesa? I ricavi del primo trimestre sono aumentati del 29% rispetto all'anno precedente, raggiungendo gli 8,82 miliardi di dollari, mentre la perdita è scesa a 157 milioni di dollari. USD. Entrambe le cifre hanno superato le aspettative del mercato. Sebbene Uber sia stata in rosso, anche questa perdita è stata più gradevole rispetto al primo trimestre dell'anno scorso. Un anno fa, Uber aveva registrato una perdita di quasi 6 miliardi di dollari. Ma allora l'enorme perdita era legata alla cancellazione degli investimenti falliti in Grab, Aurora e DiDi.
 

Azioni UBER sulla piattaforma MT4 sul timeframe H4 insieme alle medie mobili a 50 e 100 giorni
Azioni UBER sulla piattaforma MT4 sul timeframe H4 insieme alle medie mobili a 50 e 100 giorni

 

Il fatturato lordo (prima dei pagamenti ai conducenti) del primo trimestre è stato di 31,4 miliardi di dollari, con un aumento del 19% rispetto all'anno precedente. Per il trimestre in corso, Uber prevede un fatturato lordo di circa 33-34 miliardi di dollari. L'azienda potrebbe anche registrare un profitto. Gli autisti di Uber hanno effettuato 2,12 miliardi di corse nel trimestre, con un aumento del 19%, e il numero di utenti attivi è salito del 13% a 130 milioni.

Uber sta emergendo come il chiaro vincitore nel segmento dei taxi alternativi, con il suo principale concorrente Lyft sotto forte pressione e le sue azioni ai minimi storici. Anche le prospettive per il secondo trimestre sono negative per Lyft. Lyft sta almeno cercando di aumentare la sua quota di mercato con prezzi più bassi, ma la domanda è per quanto tempo l'azienda possa sopravvivere con una perdita massiccia. Quindi, nonostante il prezzo sia attualmente ai massimi annuali, Uber è sicuramente la scelta migliore.

Apri un conto e inzia a fare trading su azioni CFD oggi stesso!

 

Il tuo capitale è a rischio.
67,90 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore.
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio elevato di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. 67,90 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se sai come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.