67,90 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore.
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio elevato di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. 67,90 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se sai come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Questi indicatori cinesi influenzano il prezzo del petrolio

La Cina è un attore talmente importante nell'economia globale che i suoi indicatori macroeconomici possono influenzare non solo i mercati azionari o valutari, ma anche i mercati delle materie prime. Per questo motivo, se fate trading sul petrolio, dovreste sapere quali sono i dati economici cinesi da tenere d'occhio. E questo è esattamente ciò che vi insegnerà questo articolo.
Pubblicata: 19.04.2023
Dalla crisi finanziaria del 2008, il ruolo della Cina come attore globale è diventato sempre più importante; non sorprende quindi che questo Paese stia attualmente contribuendo maggiormente alla crescita economica globale. Pertanto, ogni trade che cerca di ottenere un vantaggio sul mercato dovrebbe essere in grado di monitorare gli indicatori dell'economia cinese.

E non ci riferiamo all'influenza della Cina sui mercati azionari o sulle valute come il dollaro australiano. L'influenza della Cina è dominante anche nei mercati delle materie prime. In questo articolo vi indicheremo quali sono i 6 indicatori dell'economia cinese da tenere d'occhio per avere un quadro completo dei futuri movimenti del prezzo del petrolio.


La posizione economica della Cina nel mondo globale

L'economia cinese è una delle economie in più rapida crescita del XXI secolo e attualmente è la seconda economia mondiale, con un valore del PIL di 20,25 trilioni di dollari nel 2022. Il leader mondiale sono ancora gli Stati Uniti, con un PIL di 25,03 trilioni di dollari.
 

Figura 1: PIL nel 2022 (miliardi di dollari), fonte www.Knoema.com


Questo, ovviamente, dimostra il ruolo vitale che la Cina svolge nell'economia globale. Ma pochi sanno che la Cina è anche uno dei maggiori produttori di petrolio al mondo.
 


Figura 2: Produttori mondiali di petrolio


Come sesto produttore mondiale di petrolio, la Cina è stata a lungo autosufficiente in termini di consumo di petrolio e poteva persino permettersi di esportare il prodotto. Nel 1973, la Cina ha iniziato a esportare petrolio in Giappone e le esportazioni sono salite a 20 milioni di tonnellate nel 1985. Tuttavia, dal 1993 la domanda interna di petrolio ha superato la produzione interna e la Cina è diventata un importatore netto di petrolio. Attualmente, la Cina è il più grande importatore di petrolio al mondo, davanti agli Stati Uniti.

Le dimensioni dell'economia cinese e il suo consumo di petrolio hanno ovviamente un forte impatto sui prezzi del petrolio. Ad esempio, l'AIE prevede che quest'anno la Cina sarà il motore della metà della crescita della domanda mondiale di petrolio e potrebbe persino costringere l'OPEC+ a riconsiderare i limiti alla produzione. Inoltre, Wood Mackenzie prevede che la Cina rappresenterà circa il 40% della ripresa della domanda globale di petrolio nel 2023.

Ciò dimostra che ci sono sufficienti ragioni per dare un'occhiata più da vicino ai principali indicatori economici cinesi che possono suggerire l'ulteriore sviluppo del prezzo del petrolio.

 

Indicatore n. 1: Prodotto interno lordo

L'indicatore più importante da monitorare è il prodotto interno lordo, che determina la performance di un'economia. Nel caso della Cina, i vincoli dovuti alla politica dello zero-Covid hanno avuto un forte impatto negativo sulla performance dell'economia fino a poco tempo fa. Questa politica è stata abolita in Cina all'inizio di dicembre dello scorso anno e si prevede che un'ondata di acquisti dilazionati dai risparmi accumulati possa sostenere la performance dell'economia cinese.

Finora, tuttavia, i dati sulla performance economica della Cina all'inizio del 2023 sono stati relativamente contrastanti. Pertanto, si prevede che i funzionari governativi potrebbero decidere una qualche forma di stimolo economico per rilanciare la crescita economica.

L'impatto del PIL sul prezzo del petrolio è illustrato nel grafico seguente.

 
Grafico 3: Petrolio WTI sul grafico H1
 

Il 17 gennaio 2023 la Cina ha registrato un PIL del 2,9%, superiore alle aspettative degli analisti. Questo valore ha rappresentato un segnale rialzista per il greggio e il prezzo ha continuato la sua corsa al rialzo fino al livello di resistenza più vicino.
 

Indicatore n. 2: produzione industriale

L'indicatore della produzione industriale mostra la variazione della produzione delle imprese industriali, della produzione mineraria e della produzione delle società di servizi che si occupano della manutenzione delle infrastrutture. Questo settore è stato un grande motore dell'economia cinese e ha avuto un forte impatto sulla domanda di petrolio.

La crescita della produzione industriale cinese nei mesi di gennaio e febbraio 2023 è stata del 2,4% su base annua (contro l'1,3% di dicembre). Tuttavia, si tratta ancora di un tasso di crescita debole rispetto ai trend precedenti alla pandemia COVID-19, in quanto la produzione industriale è cresciuta di circa il 5% fino al 2020.

Tra gli indicatori di produzione industriale, possiamo includere un indicatore di sentiment chiamato PMI manifatturiero, che è l'indice dei responsabili degli acquisti per il settore manifatturiero. La Cina riporta due tipi di PMI: il Caixin Manufacturing PMI e il Manufacturing PMI. Valore del PMI manifatturiero. Il valore di questo indicatore per il mese di marzo ha raggiunto il valore di 51,9, che indica la prevista espansione del settore.

Vedremo come il prezzo del petrolio reagisce al PMI in un altro esempio, quando il 1° febbraio 2023 la Cina ha riportato un valore del Caixin PMI pari a 49,2. Un valore inferiore a 50 indica un calo previsto dell'attività economica. Allo stesso tempo, il valore era peggiore delle aspettative degli analisti. La prima reazione del petrolio al rapporto è stata neutra, ma poi il petrolio ha iniziato a indebolirsi bruscamente nella sessione pomeridiana statunitense.
 
Grafico 4: Petrolio WTI sul grafico orario
 

Allo stesso tempo, questo dato fondamentale integra le conclusioni dell'analisi tecnica, poiché si può notare che in quel momento il petrolio si trovava in una tendenza al ribasso, all'interno della quale si è formato un pullback. Le entrate sul pullback di una tendenza in corso sono quindi una delle opportunità in cui si può fare trading con un rapporto rischio/rendimento favorevole.

Indicatore n. 3: bilancia dei pagamenti

A febbraio, l'avanzo commerciale della Cina è stato in media di 116 miliardi di dollari al mese, il più alto da marzo 2022. Una bilancia dei pagamenti positiva significa che la Cina esporta più prodotti e servizi di quanti ne importi. Qualsiasi calo di questo indicatore indica un deterioramento del contesto commerciale globale. Un'eventuale recessione in alcune delle principali economie implicherebbe sicuramente un calo della domanda globale di petrolio, che potrebbe portare a un calo dei prezzi del petrolio.
 

Indicatore n. 4: vendite al dettaglio-vendite al dettaglio

Se le esportazioni cinesi dovessero diminuire a causa di un rallentamento dell'economia globale dovuto all'aumento dei tassi di interesse, i consumi potrebbero essere un motore fondamentale dell'economia cinese. Questo vale soprattutto ora che le misure di coercizione sono state rimosse.

Tuttavia, la crescita delle vendite al dettaglio su base annua è rimasta finora al di sotto delle aspettative, aumentando solo del 2,4% a febbraio. Prima del covid, gli aumenti annuali delle vendite al dettaglio erano in genere superiori al 7%.

Vale la pena notare che anche i trasporti fanno parte della ripresa post-covida. Tuttavia, rappresenta solo il 54% del consumo di petrolio in Cina, rispetto al 72% negli Stati Uniti e al 68% nell'UE.
 

Indicatore n. 5: Tasso d'interesse - Politica della Banca centrale

La banca centrale cinese ha mantenuto il tasso di interesse di riferimento invariato al 3,65% dall'agosto 2022. Può permettersi di farlo perché l'inflazione in Cina è molto bassa. Su base annua, l'inflazione è stata solo dello 0,7% nel marzo 2023. 

Inoltre, la banca centrale influenza la domanda di credito e quindi i consumi fissando il rapporto di riserve obbligatorie che le banche commerciali devono rispettare. Nonostante la banca centrale abbia abbassato questo rapporto, liberando così spazio per le banche per concedere più prestiti, questo stimolo non ha ancora avuto un impatto sul volume dei prestiti nel 2023.

 

Indicatore n. 6: incentivi politici

Le autorità centrali cinesi svolgono un ruolo importante nell'economia cinese. Ci si aspetta che forniscano un sostegno politico per garantire la ripresa economica. Ad esempio, l'obiettivo può essere quello di creare più posti di lavoro nelle città. Dipenderà poi dal settore in cui ciò avverrà. Se prima erano le infrastrutture e l'industria manifatturiera, ora potrebbe essere il settore dei servizi a trainare la crescita economica. Ma questo avrebbe delle implicazioni per il petrolio.

Infatti, il passaggio dalla produzione manifatturiera e dalle infrastrutture, che in passato sono state alla base del superciclo delle materie prime del 2000-2014, al sostegno del settore dei servizi potrebbe significare che la precedente traduzione quasi automatica dell'aumento della crescita economica cinese in prezzi del petrolio più elevati e a lungo termine potrebbe non essere così pronunciata questa volta come negli anni precedenti.
 

67,90 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore.
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio elevato di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. 67,90 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se sai come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.