Questa commodity ha offerto le maggiori opportunità di profitto nel 2022

Il mercato delle materie prime ha vissuto una rinascita negli ultimi tempi, con alcune commodity che hanno addirittura superato in modo significativo gli indici azionari. Tuttavia, solo una commodity ha giocato un ruolo di primo piano nel 2022. I trader che hanno fatto i compiti a casa e seguito i fondamentali hanno avuto diverse opportunità di trarre profitto dalla loro diligenza. Scoprirete quale commodity abbiamo in mente in questo articolo.


Non vi terremo sulle spine a lungo: la commodity che abbiamo in mente è ovviamente il petrolio. Sceglierlo come commodity più importante del 2022 è stato relativamente facile, nonostante gli eventi selvaggi sui mercati e nel mondo (o forse proprio per questo). Dopo tutto, probabilmente nessun'altra commodity è stata così presente nei titoli dei giornali come il petrolio. Quindi, come è stato l'attuale anno conclusivo del 2022 per il petrolio e quali sono state le maggiori opportunità che avrebbero potuto portare guadagni significativi per coloro che erano preparati?

L'inizio del 2022: l'alta domanda di petrolio e ciò che l'ha preceduta

Osservando il grafico dei prezzi a lungo termine riportato di seguito, è evidente che il petrolio stava entrando nel 2022 a livelli di lungo periodo superiori alla media. Il prezzo al barile di circa 70 dollari era superiore a quello a cui siamo abituati sia per il WTI statunitense che per il Brent del Mare del Nord. Soprattutto se consideriamo l'andamento dal 2015. Il petrolio più costoso è stato determinato da un significativo aumento della domanda causato dal coronavirus. Questo ha causato il blocco virtuale del mondo intero nel 2020, bloccando la domanda di petrolio. Molti di voi probabilmente ricordano ancora il crollo senza precedenti in numeri negativi del petrolio WTI causato da questa situazione.
 

Petrolio WTI su grafico D1 in piattaforma MT4
Petrolio WTI su grafico D1 in piattaforma MT4


Con il graduale allentamento delle restrizioni sul coronavirus, la fame di viaggi è cresciuta gradualmente e con essa la domanda di petrolio. Il prezzo del petrolio è quindi salito gradualmente ai massimi di lungo periodo. Tuttavia, c'è un altro fattore importante da notare: nel periodo precedente al coronavirus, il settore petrolifero era da tempo sottoinvestito, in quanto le economie occidentali si stavano spostando da esso verso le fonti di energia rinnovabili. Di conseguenza, il numero di piattaforme petrolifere attive negli Stati Uniti è diminuito da circa 1.600 a meno di 200 tra il 2014 e il 2020. Il mercato petrolifero non era quindi certamente preparato al grande shock che sarebbe arrivato nel 2022.
 

Numero di impianti di trivellazione attivi negli Stati Uniti (conteggio degli impianti di trivellazione di Baker Hughes), fonte: Investing
Numero di impianti di trivellazione attivi negli Stati Uniti (conteggio degli impianti di trivellazione di Baker Hughes), fonte: Investing


Febbraio 2022: l'aggressore russo entra in scena - il prezzo del petrolio sale

Lo shock in questione è ovviamente l'incursione delle truppe russe in Ucraina, che ha sconvolto il mondo e i suoi mercati causando un'enorme incertezza a causa della dipendenza dell'Europa dal petrolio e dal gas russo. Il petrolio Brent e WTI non ha tardato a reagire, dato che poco dopo entrambi gli strumenti hanno raggiunto i livelli ATH del 2008. L'elevato prezzo del petrolio ha inoltre reso il carburante significativamente più costoso, il che si è tradotto in un aumento dell'inflazione, che viene tuttora sperimentato da quasi tutti i Paesi.

 

Naturalmente, questa situazione non è stata negativa per tutti: i Paesi del cartello OPEC, per i quali le esportazioni di petrolio sono una delle principali fonti di entrate per i bilanci nazionali, si sono riempiti le tasche. Anche le compagnie petrolifere non se la passano male.

Estate 2022: calo significativo - il petrolio di nuovo sotto pressione

I prezzi del petrolio, molto superiori alla media, sono rimasti sul mercato fino a giugno, ma poi hanno iniziato a scendere in modo significativo. Le ragioni sono molteplici: il numero di piattaforme petrolifere attive negli Stati Uniti è aumentato in modo significativo, superando le 600 unità. La produzione statunitense si è quindi rimessa in moto. Inoltre, il Presidente degli Stati Uniti si è impegnato a liberare una quantità record di riserve di petrolio. Di conseguenza, sono stati immessi sul mercato 180 milioni di barili di petrolio.

 

Inoltre, l'equilibrio nel mondo del petrolio aveva gradualmente iniziato a spostarsi: sebbene il petrolio russo fosse tossico per i Paesi occidentali, Paesi come la Cina, l'India e la Turchia lo compravano e lo comprano allegramente a un enorme sconto. L'Europa, che dipendeva fortemente dal petrolio russo, ha dovuto trovare fonti alternative di petrolio, ad esempio negli Stati Uniti, in Norvegia e nei Paesi arabi. Inoltre, nonostante i numerosi problemi di funzionamento dell'oleodotto Druzhba, la Russia continua a rifornire di petrolio alcuni Paesi dell'Europa centrale e orientale.

I principali fattori che determinano il prezzo del petrolio nel 2022

I fattori più importanti del calo del prezzo del petrolio sono stati probabilmente il rafforzamento del dollaro USA e la minaccia di una recessione globale. Il rafforzamento del dollaro americano generalmente deprime il prezzo delle materie prime e quindi del petrolio. La politica aggressiva della banca centrale statunitense e il rapido aumento dei tassi di interesse hanno reso il dollaro più attraente. Inoltre, il dollaro è visto come un tradizionale porto sicuro, ossia una valuta in cui alcune entità trasferiscono i propri fondi in momenti di nervosismo.
 

Petrolio Brent sul grafico D1 della piattaforma MT4
Petrolio Brent sul grafico D1 della piattaforma MT4


Un altro fattore che ha spinto il prezzo del petrolio al ribasso durante i mesi estivi è stato il timore dell'inizio di una recessione globale. Alcuni paesi potrebbero già essere in recessione. Tuttavia, una recessione su scala globale ridurrebbe significativamente la domanda di petrolio e prodotti petroliferi. A titolo di esempio, si pensi alla grande crisi finanziaria del 2008, quando il prezzo del petrolio è sceso da 140 dollari a meno di 40 dollari al barile nel giro di un anno. Pertanto, ogni notizia di inflazione superiore al previsto nelle principali economie aumentava la probabilità che ci stessimo effettivamente dirigendo verso una recessione.

 

Il raffreddamento della domanda di petrolio è già evidente in Cina, che sta ancora lottando contro il coronavirus. La lotta in corso della Cina contro il coronavirus è stato un altro fattore che ha spinto i prezzi del petrolio significativamente al ribasso. La Cina è il più grande importatore di petrolio al mondo e qualsiasi notizia negativa può scuotere i prezzi del petrolio in modo significativo.

Autunno 2022: l'OPEC difende il petrolio a tutti i costi

Il cartello OPEC svolge un ruolo fondamentale nel mercato del petrolio. Insieme ai suoi affiliati controlla circa il 50% della produzione mondiale e fino al 90% delle riserve conosciute. Qualsiasi taglio alla produzione può far salire il prezzo del petrolio. Il cartello OPEC si è riunito di persona a ottobre per la prima volta dopo il coronavirus, quindi il mercato si aspettava ovviamente grandi novità. E le grandi notizie sono arrivate: i membri dell'OPEC+ hanno deciso di tagliare la produzione di petrolio di 2 milioni di barili al giorno, circa il 2% della produzione globale. Il mercato ha quindi temuto una possibile carenza di petrolio durante i mesi invernali e il prezzo del petrolio è balzato nuovamente a 100 dollari al barile.

 

Non c'è voluto molto, però, perché tutti i prezzi del petrolio appena guadagnati venissero spazzati via dalla minaccia della debolezza della domanda cinese, portando il petrolio ai livelli più bassi dall'inizio dell'anno all'inizio di dicembre. Eravamo quindi in trepidante attesa della prossima riunione del cartello, con voci di tagli alla produzione di altri 2 milioni di barili al giorno. Tuttavia, l'OPEC ha colto il mercato di sorpresa e ha mantenuto invariata la produzione a causa dell'incertezza sulla domanda globale e della prevista riduzione delle esportazioni di petrolio russo. Tale riduzione è probabilmente dovuta al blocco del petrolio russo a 60 dollari al barile, avvenuto all'inizio di dicembre. Le esportazioni di petrolio russo potrebbero quindi diminuire fino a 1 milione di barili al giorno.

Apri un conto e fai trading con noi!


Il tuo capitale è a rischio.
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio elevato di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria.  76,60 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se sai come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.