I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio elevato di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria.  67,30% degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se sai come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Perché e come negoziare l'oro

L'oro ha da sempre suscitato l'interesse dei popoli fin dall'inizio delle prime grandi civiltà e oggi come allora nulla è cambiato. Vale la pena investire nell'oro oggigiorno? E cosa c'è di vero nel fatto che questo metallo prezioso non dovrebbe mancare nel portafoglio di un investitore esperto? Se si decide di investire concretamente in oro, ci sono diversi modi per farlo. Quale scegliere? Scoprirai tutto questo nei prossimi 10 minuti.

 

Una breve storia dell'oro

L'oro, come il sale, è alle origini delle prime interazioni economiche dei nostri antenati. Mentre la storia si muoveva a passi da gigante e cominciavano ad emergere le prime civiltà, l'oro divenne una valuta ampiamente accettata (come l'argento, ad esempio). E così è stato fino a poco tempo fa. Il ruolo dell'oro come valuta, convertibile in dollari, fu sancito nel 1944 dal cosiddetto sistema monetario internazionale di Bretton Woods.

Esso promosse il dollaro USA al rango di valuta di riserva mondiale, garantendone la convertibilità in oro. Il tasso di cambio fisso fu stabilito a 35 dollari per oncia troy. In pratica, questo significò che le banche centrali poterono cambiare la propria valuta in dollari con la Federal Reserve degli Stati Uniti e i dollari in oro.

Tuttavia, il sistema di Bretton Woods si rivelò imperfetto nel tempo e fu abbandonato nel 1971. Questo momento rappresenta una pietra miliare storica in quanto l'oro perse il suo status di valuta, che aveva conservato per diverse migliaia di anni. Oggi, quindi, il valore di tutte le valute mondiali non è più legato a questo metallo prezioso. Qual è dunque il motivo per investire in oro?

Perché negoziare oro?

Perché l'oro tipicamente preserva il proprio valore

Poiché le riserve auree sono limitate e né gli alchimisti né gli scienziati hanno (ancora) inventato una pietra filosofale che permetta loro di fabbricare l'oro, il prezzo di questo metallo rilucente tende a salire. Inoltre, non vengono scoperti di frequente nuovi giacimenti e, se ne emergono, l'estrazione si rivela spesso economicamente svantaggiosa. Altresì, più lentamente crescono le riserve auree nel mondo, più il prezzo dell'oro sale. Investire parte del proprio capitale disponibile e acquistare una certa quantità d'oro può essere un modo adeguato per (e non solo) preservarne il valore.
 

Perché l'oro è un "porto sicuro"


Il termine "porto sicuro" (cd. safe haven) si riferisce ai beni che hanno la capacità di resistere sui mercati scossi da crisi economiche, politiche e di altra natura. Durante questi periodi, mentre il valore di alcune valute o azioni mondiali tende a diminuire, solitamente l'oro si comporta in modo opposto. Questo è dovuto anche al fatto che l'oro è percepito dagli investitori come un "porto sicuro", quindi nei momenti in cui i mercati sono in tumulto e l'arrivo di un periodo turbolento è palpabile, gli investitori riversano i propri capitali nell'oro. Ne consegue che il suo prezzo continua a salire.
 

Perché l'oro protegge dall'inflazione

Il modo in cui le persone cercano di preservare il valore dei propri risparmi cambia anche a seconda della loro cultura finanziaria. Così, mentre alcuni conservano i propri risparmi in contanti sotto il materasso, lasciandoli a facile portata di mano dei ladri (e dell'inflazione), altri, che aspirano a difendersi dalla svalutazione del denaro, investono in oro.

Come abbiamo già detto, il valore dell'oro tende a crescere lentamente. Nonostante occasionali flessioni di valore. Questo non si può dire, ad esempio, per le valute, spesso devastate da spasmi inflazionistici.
 

Perché l'oro è un mezzo adeguato per diversificare il portafoglio d'investimento

Ogni investitore esperto è d'accordo sul fatto che il capitale investito deve essere distribuito in modo che il rischio di perdita sia il minore possibile. Così, mentre una parte del denaro viene investito in asset che tendono a lievitare in tempi di congiuntura economica (come le azioni), il resto è destinato ad asset che si comportano esattamente al contrario. Tra questi vi sono, ad esempio, immobili, titoli, o semplicemente l'oro, il cui prezzo tende a salire nei momenti in cui i prezzi delle azioni scendono. Per un portafoglio adeguatamente bilanciato, l'investimento in oro è una componente indispensabile.

Come negoziare l'oro

Contratti a termine

Investendo in oro attraverso contratti a termine o futures, si acquista una futura scorta di una determinata quantità di questo metallo prezioso nella sua forma fisica. Ciò non significa tuttavia che si debba necessariamente allestire una camera blindata per conservare tutti quei lingotti. Ogni contratto ha una data prestabilita in cui la consegna dell'oro nella sua forma fisica dovrebbe avvenire. Si chiama data di scadenza. Pertanto, se si riesce a "liberarsi" del contratto e a venderlo prima della scadenza, non sarà necessario un caveau.

Se non si è interessati a speculare sul prezzo dell'oro a breve termine, ma si preferisce investire in oro a lungo termine, preferiamo non consigliare questo metodo di negoziazione.
 

Acquisto di oro in forma fisica

Chi non vorrebbe possedere una pepita o anche solo un lingotto d'oro? In questo modo, si avrebbe il proprio investimento a portata di mano e sotto controllo. Tuttavia, non è così facile come potrebbe sembrare. Se si vuole negoziare l'oro recandosi direttamente dal venditore, pagandogli la corrispondente somma di denaro e quindi portando via con sé il metallo prezioso, non si sarà mai sicuri di non cadere nella trappola di un truffatore. Spesso è pressoché impossibile riconoscere l'oro falso, a meno di non essere degli esperti.
 

Comprare oro a pronti

La seconda opzione è l'acquisto di oro ad un prezzo a pronti, ossia l'acquisto di un contratto per una certa quantità fisica di oro depositato. Come altre modalità di negoziazione dell'oro, anche l'acquisto di oro a pronti ha i suoi pro e i suoi contro. Un vantaggio parziale è rappresentato dalla possibilità di utilizzare la leva finanziaria, un meccanismo che consente di negoziare con importi che moltiplicano più volte la propria posizione iniziale. Parziale, perché maggiori profitti possono comportare maggiori perdite. Lo svantaggio è rappresentato dalla necessità di pagare degli interessi per la custodia dell'oro acquistato, che si tradurranno in spese, soprattutto se si prevede di mantenere l'investimento per un lungo periodo di tempo.
 

Speculazione sul prezzo dell'oro con contratti CFD

Un metodo molto popolare è il trading attraverso i cosiddetti contratti per differenza. Si tratta di titoli speculativi creati artificialmente dal broker, il cui prezzo è solitamente derivato dal prezzo dei contratti futures o dal prezzo a pronti dell'oro. Quindi, il trader non possiede direttamente l'oro, ma specula solo sul suo prezzo (lo strumento previsto a tal fine è denominato XAUUSD - si tratta quindi del rapporto tra il prezzo dell'oro e il dollaro USA). Il vantaggio è dato dal fatto che nel caso dei contratti CFD, oltre che sul rialzo, è possibile speculare anche sul ribasso ed è pertanto possibile trarre profitto in entrambe le direzioni. Ciò significa che il trader ha l'opportunità di trarre potenzialmente profitto a prescindere dal fatto che l'oro prosperi o meno e che la quotazione salga o viceversa. In questo caso, è fondamentale stimare correttamente la direzione che prenderà il prezzo dell'oro. Un'altra ragione per cui i CFD sono una forma sempre più preferita di trading dell'oro è la possibilità di utilizzare la leva finanziaria per negoziare importi maggiori rispetto al deposito originale.

In questo senso, i contratti differenziali sono simili ai contratti futures in quanto vengono utilizzati per la speculazione, ma con una differenza importante: il contratto differenziale non può scadere. Dato che questi contratti sono creati artificialmente dal broker, si raccomanda di scommettere su un broker affidabile con condizioni di trading trasparenti e con una buona reputazione tra gli altri trader.
 

Vantaggi dei contratti CFD:

 
  • Possibilità di negoziare con capitali più ridotti a differenza dei metodi di trading sopra illustrati, che richiedono capitali nell'ordine di centinaia di migliaia di euro, per i contratti differenziali saranno sufficienti da migliaia a decine di migliaia di euro).
  • Leva (determina il rapporto tra l'importo del capitale investito in una determinata operazione e i fondi forniti dal broker. In Purple Trading, offriamo una leva pari a 1:20 per il trading dell'oro, il che significa che è possibile aprire una posizione di trading di $ 2.000 per $ 100. Questa cifra corrisponde sia al profitto che alla perdita potenziale. Pertanto, è necessario utilizzare la leva in modo oculato).
  • Opportunità di speculare sul rialzo e sul ribasso del prezzo dell'oro, con i contratti CFD non si è proprietari dell'oro, il che significa che non solo non bisogna preoccuparsi del ribasso dei prezzi di questo metallo prezioso, ma in tale eventualità si ha anche l'opportunità di trarne profitto.
 

ETF

I portafogli ETF sono una sorta di pacchetto di azioni o obbligazioni di società in cui l'investitore investe contemporaneamente. La loro composizione segue sempre un certo concetto. Nel caso dell'oro, il portafoglio ETF conterrà azioni o obbligazioni di società che estraggono o lavorano l'oro. Questo metodo di investimento in oro è passivo e a lungo termine, con la possibilità di percepire dividendi.

Fai trading sull'oro con Purple Trading


Il tuo capitale è a rischio.

Cosa influenza il prezzo dell'oro

  1. Tassi d'interesse - Se i tassi d'interesse scendono e il deposito di denaro contante in banca si rivela svantaggioso, gli investitori vanno spesso alla ricerca di altre opportunità di capitalizzare il proprio capitale. Ed è proprio l'oro che può essere in grado di offrire ciò che cercano. E quindi lo acquistano, determinando così un aumento della domanda e quindi del prezzo dell'oro. Al contrario, se le banche centrali (soprattutto la Fed) aumentano i tassi, il prezzo dell'oro scende.
  2. Dollaro USA - Come abbiamo detto all'inizio, la relazione tra il dollaro e l'oro ha una dimensione storica. Ne consegue anche una relazione tra i prezzi delle due entità, che si potrebbe semplicemente descrivere come inversamente proporzionale. Nella maggior parte dei casi, il prezzo dell'oro sale parallelamente alla diminuzione del prezzo del dollaro. Tuttavia, ci sono eccezioni che confermano questa regola, pertanto il prezzo del dollaro andrebbe considerato solo come uno dei vari fattori da osservare quando si negozia l'oro.
  3. Prezzi del petrolio - Il livello dei prezzi del petrolio spesso rispecchia gli attuali sviluppi geopolitici e l'incertezza generale del mercato. In tempi di crisi o di guerra, si assiste anche a un incremento del prezzo del petrolio. Ed è proprio il prezzo dell'oro che si riflette su questa incertezza, in quanto gli investitori in cerca del già citato "porto sicuro" a salvaguardia del proprio capitale, si rivolgono all’oro. Si può quindi affermare che nella maggior parte dei casi, quando sale il prezzo del petrolio, sale anche il prezzo dell'oro.
    Un'altra ragione può risiedere nel fatto che il prezzo del petrolio è legato al dollaro e se il petrolio cresce, cresce anche l'inflazione, il che induce ancora una volta gli investitori a considerare un modo più opportuno di investire. E questo è per l’appunto l'investimento in oro.
  4. Nervosismo sui mercati azionari - Il nervosismo sui mercati azionari può essere determinato dalle già citate guerre o crisi economiche, nonché da periodi di transizione politica (elezione del presidente americano, Brexit). Esso si manifesta poi in un mutato comportamento degli investitori, che scelgono di negoziare l'oro in quanto "porto sicuro".
  5. Domanda di oro - Oltre che nella gioielleria, le proprietà dell'oro sono sfruttate anche nella produzione di componenti elettronici, nella medicina e nell'aviazione. Tuttavia, l'andamento del prezzo dell'oro, oltre alla domanda in questi settori, dipende anche dagli acquisti ufficiali governativi. L'oro viene comprato/venduto dalle banche centrali per adeguare le proprie riserve e stabilizzare il valore della propria valuta. Giova sottolineare, a questo punto, che l'attuale volume di oro acquistato con questa modalità è attualmente al livello più alto degli ultimi 50 anni. E in presenza di una domanda è costante, è prevedibile anche un lieve aumento del prezzo.

Come scegliere un broker idoneo per il trading dell'oro

Se si sta valutando di negoziare l’oro, occorre prima di tutto pensare di scegliere un broker di qualità. Oltre all'acquisto dell'oro in forma fisica, è necessario trovare un intermediario tra sé stessi e il mercato, per tutte le varianti di trading (CFD, ETF, Futures, acquisto a prezzo spot) e questo ruolo è svolto dal broker.
 

  1. Condizioni di trading - Nel caso in cui si intenda negoziare attivamente/speculare, sono necessarie condizioni di trading eccellenti. Particolarmente importanti sono la velocità di esecuzione (la risposta con cui l'ordine di trading raggiunge il server del broker e da lì il mercato. Questa velocità è espressa in millisecondi e più questa metrica è vicina allo 0, meglio è) e i prezzi degli spread (la differenza tra il prezzo denaro e il prezzo lettera, anche in questo caso, più bassa è, meglio è). In Purple Trading, prestiamo attenzione al massimo livello possibile di trasparenza dei nostri servizi, quindi se interessati, è possibile visualizzare le statistiche sulla velocità di esecuzione e sui prezzi degli spread (l'oro si trova come simbolo XAUUSD nella colonna CFD).
  2. Licenza di Broker - In generale, i broker con sede nell'UE adottano un maggior grado di trasparenza per via delle norme a tutela dei clienti. I cosiddetti broker offshore, invece, possono offrire una leva più elevata (fino a 1:400) e spesso anche commissioni di servizio più basse. Tuttavia, il cliente/trader non è protetto nella stessa misura garantita dai broker dell'UE. Ad esempio, la protezione del saldo negativo, che impedisce di andare in rosso sul conto di trading, è un obbligo per i broker dell'UE, mentre non lo è per i broker offshore.  Purple Trading è soggetta all'autorità di regolamentazione cipriota CySEC. I nostri clienti beneficiano pertanto del più alto livello di protezione possibile secondo le normative dell'UE, potendo anche contare sulla protezione del saldo negativo.
  3. Modello STP rispetto a MM In base alle modalità con cui elaborano gli ordini di negoziazione dei propri clienti, i broker possono essere classificati in diverse categorie secondo i cosiddetti modelli. Le categorie più classiche sono STP (Straight Through Processing) e MM (Market Maker). Il broker STP agisce come intermediario tra il cliente e il mercato dove il suo ordine viene abbinato alla controparte, dopodiché viene eseguito. Il broker MM invece interviene direttamente sulla quotazione degli asset in quanto gestisce autonomamente gli ordini dei propri clienti e pertanto crea artificialmente la controparte. Ciò significa fondamentalmente che se il cliente non realizza profitti, li realizza invece il broker MM e viceversa. Questo può creare spazio per una manipolazione degli ordini dei clienti, come dimostrano anche diversi episodi del passato. Non è tuttavia questo il caso di Purple Trading, che opera su base STP. Con noi non esiste alcun conflitto di interessi, perché noi prosperiamo solo quando anche i nostri clienti prosperano.

Fai trading sull'oro con Purple Trading


Il tuo capitale è a rischio.