67,90 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore.
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio elevato di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. 67,90 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se sai come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Forex e regolamentazione

Pubblicata: 22.05.2023

Oggi il trading online e il Forex sono un settore altamente regolamentato. Tuttavia, non è sempre stato così. In questo articolo daremo un'occhiata più da vicino alle misure di regolamentazione nel settore del trading online. È qualcosa che un investitore o un trader dovrebbe desiderare? E come si differenzia un broker regolamentato da uno non regolamentato? Continuate a leggere e scopritelo!

La regolamentazione nel trading online si riferisce a un insieme di regole, leggi e linee guida che mirano, tra l'altro, a disciplinare il modo in cui le attività del mercato finanziario si svolgono nell'ambiente online delle piattaforme di trading. Queste regole sono emanate dalle autorità di regolamentazione dell'UE (CySEC, CNB, KNF, CONSOB, ecc.). Queste regole e direttive stabiliscono che l'ambiente di trading sui mercati finanziari deve essere il più trasparente ed equo possibile per gli investitori e i trader.

Un po' di storia

Il trading online ha iniziato a guadagnare popolarità in Europa alla fine degli anni 2000, quando sono comparsi i primi broker che offrivano ai loro clienti la possibilità di operare sui mercati finanziari. La prospettiva di generare profitti comodamente da casa attraeva un numero sempre maggiore di persone e così, alla fine degli anni 2000, si poteva parlare di boom del trading online.

Si trattava di un settore di attività in cui si guadagnavano somme relativamente elevate e che all'epoca non era ancora completamente coperto dalla legislazione. In questa zona grigia, le autorità di regolamentazione statali non avevano molto controllo ed era possibile un comportamento scorretto da parte di alcuni broker a scapito dei loro clienti. Ci sono voluti diversi anni e diversi casi di appropriazione indebita da parte dei broker prima che l'ambiente dell'UE iniziasse a occuparsi completamente della regolamentazione del trading online.

Non tutte le normative sono uguali (UE vs offshore)

Il contesto normativo varia da Paese a Paese. Ad esempio, l'ambiente legale dell'UE è tipicamente molto più severo in termini di controllo normativo delle società di intermediazione rispetto alle giurisdizioni offshore. I broker autorizzati in queste giurisdizioni offshore sono soggetti a una regolamentazione meno severa rispetto, ad esempio, ai broker autorizzati in uno Stato membro dell'UE.

Regolamento UE

  • Livello più elevato di protezione dei clienti
  • Processo di registrazione del cliente più complesso
  • Più adatto ai trader/investitori principianti

Regolamento offshore

  • Opzione di leva finanziaria elevata
  • Processo di registrazione del cliente meno complesso
  • Livello di protezione del cliente significativamente inferiore

Regolamento UE

Il settore del trading online all'interno dell'Unione Europea è supervisionato dall'ESMA (European Securities and Markets Authority). Questa autorità è il regolatore e supervisore dei mercati finanziari dell'UE. Uno degli obiettivi principali dell'ESMA è la protezione dei consumatori (investitori al dettaglio e trader), che cerca di raggiungere attraverso varie misure.
 

Protezione del saldo negativo

Probabilmente l'aspetto più importante della protezione del cliente che l'ESMA ha messo in pratica. Supponiamo che il cliente del nostro esempio precedente abbia avuto un'operazione sfortunata e che ora debba affrontare una perdita superiore al saldo del suo conto, a causa dell'uso sconsiderato della leva finanziaria. In una situazione normale, il buon senso ci direbbe che si indebiterà. Fortunatamente, il nostro trader ha scelto di operare con un broker regolamentato dall'UE. Ciò significa che il cliente non si indebiterà.

Infatti, grazie alla protezione del saldo negativo, un cliente di un broker regolamentato dall'UE non può perdere più denaro di quello che ha depositato sul suo conto di trading.


Leva finanziaria ridotta

La leva finanziaria consente agli investitori e ai trader di aprire multipli di posizioni di trading e di negoziare un volume maggiore di transazioni rispetto al proprio denaro. In questo modo, in caso di successo dell'operazione, la leva moltiplica il risultato, ma funziona allo stesso modo in caso di perdita.

La leva finanziaria è una grande attrazione per molti trader. Ma il trading sui mercati finanziari non è una cosa semplice e la combinazione di mancanza di esperienza e leva finanziaria può rapidamente costare ai principianti il loro denaro.

Anche per questo motivo, nel 2018 l'ESMA ha fissato il limite di leva finanziaria per i clienti al dettaglio nell'UE a 1:30, mentre una leva finanziaria più elevata (fino a 1:400) può essere fornita dai broker solo ai clienti che hanno soddisfatto una serie di criteri per lo status di cliente professionale.

 


Segregazione dei depositi dei clienti

Come abbiamo accennato nel piccolo excursus storico all'inizio del nostro articolo, l'industria del Forex e del trading online in generale ha fatto molta strada dai suoi inizi. In particolare, gli inizi non regolamentati del settore hanno talvolta portato i broker a utilizzare il capitale dei depositi dei clienti per finanziare le loro operazioni e persino a casi di appropriazione indebita.

L'ESMA, pertanto, vigila sui broker che operano nell'UE per garantire la protezione dei depositi dei clienti. Un modo è quello di depositare i fondi dei clienti in conti bancari separati. I broker non possono utilizzare i depositi dei clienti per finanziare le loro operazioni. In questo modo, non si possono ripetere situazioni simili a quelle degli inizi del trading online.

 

Regolamento KYC (know your customer)

Si tratta di un requisito normativo che consente ai broker di identificare i propri clienti. Se avete mai aperto un conto presso un broker e vi siete sentiti frustrati dal numero di documenti personali e di prove di reddito che avete dovuto fornire durante la registrazione, allora probabilmente si trattava di un broker regolamentato dall'UE.

L'obiettivo è quello di prevenire il riciclaggio di denaro, le frodi e persino il finanziamento del terrorismo. Affidandosi a queste regole, un broker può essere un po' più sicuro che i suoi servizi non vengano utilizzati dai clienti per scopi nefasti.

Regolamentazione offshore

I clienti dei broker offshore, ad esempio, possono aspettarsi una leva finanziaria molto più alta, che può essere un cambiamento gradito per alcuni trader più esperti. Tuttavia, il problema sorge quando perdono più del saldo del loro conto di trading a causa di questa leva. Questo perché la licenza offshore non obbliga il broker a proteggere i clienti da saldi negativi, per cui il cliente può diventare debitore nei confronti del broker.

Come sapere dove un broker è regolamentato?

Ora vi starete chiedendo come capire se il broker che state cercando è regolamentato offshore o meno. Fortunatamente, esistono diversi modi affidabili per ottenere la risposta.
 

Licenza di broker

Un broker ha bisogno di una licenza specifica per offrire i propri servizi. Questa viene rilasciata dall'autorità di regolamentazione di un determinato Stato. Qualsiasi broker affidabile e trasparente dovrebbe avere una sezione dedicata alla regolamentazione e alle licenze sul proprio sito web, dove è possibile trovare gli enti normativi sotto i quali il broker rientra, nonché gli Stati in cui il broker è autorizzato a operare.
 

Elenco dei Paesi in cui Purple Trading è autorizzata a operare

 
Austria

FMA

Bulgaria

FSC

Croazia

HANFA

Repubblica Ceca

CNB

Danimarca

Finanstilsynet

Estonia

FSA

Finlandia

FSA

Francia

ACPR i Numero di autorizzazione: 68519/62627

Germania

BaFIN i Numero di autorizzazione: 145745

Grecia

HCMC

Ungheria

MNB i Numero di autorizzazione: K8801622

Islanda

FME

Irlanda

CBI

Italia
CONSOB i Numero di autorizzazione: 4246
Lettonia

FKTK i Numero di autorizzazione: NCB 397

Liechtenstein

FMA

Lituania

LB i LEI Code: 213800T8I5VC4HS1GR60

Lussemburgo

CSSF

Malta

MFSA i Numero di autorizzazione: LIL4

Paesi Bassi

AFM

Norvegia

Finanstilsynet i Numero di autorizzazione: FT00089934

Polonia

KNF

Portogallo

CMVM

Romania

ASF

Slovacchia

NBS

Slovenia

ATVP

Spagna

CNMV i Numero di autorizzazione: 4023

Svezia

FI i Numero di autorizzazione: 38346

Dichiarazione di non responsabilità

Nelle pubblicità dei broker online si legge spesso la frase "L'XY% dei conti dei clienti è in perdita". Se vi chiedete perché un broker dovrebbe divulgare volontariamente tali statistiche, spesso poco lusinghiere, sappiate che sono le autorità di regolamentazione a imporre questo requisito.

Ad esempio, la CySEC, che è l'autorità di regolamentazione competente a Cipro e a cui Purple Trading è registrata/licenziata, richiede ai broker di includere dichiarazioni di non responsabilità nei loro materiali di marketing. Questi possono assumere molte forme, dalla già citata frase sotto il banner di un annuncio su Facebook al colosso di diversi paragrafi che troverete nel piè di pagina di questo articolo.



Esempio di disclaimer su una pubblicità online

Conclusione

L'ambiente del trading online ha subito notevoli cambiamenti normativi da quando è stato introdotto nell'UE. Questo ha fornito un certo grado di protezione agli investitori e ai trader, ma è ancora necessario tenere conto del fatto che l'ambiente del mercato finanziario è di per sé molto rischioso. Tuttavia, se volete essere sicuri di ottenere la massima protezione, il passo logico è aprire un conto con un broker regolamentato dall'UE. Noi di Purple Trading siamo orgogliosi di affermare di essere uno di questi broker.

Scegliere un broker regolamentato - Scegliere Purple Trading

 

Il tuo capitale è a rischio.
67,90 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore.
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio elevato di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. 67,90 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se sai come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.