67,90 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore.
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio elevato di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. 67,90 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se sai come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Cosa determina il tasso di cambio dell'oro?

Pubblicata: 28.06.2023

Il prezzo dell'oro è quotato in dollari per oncia troy ed è monitorato da trader, investitori e analisti per vari motivi. Nell'articolo di oggi discuteremo quali sono gli indicatori di mercato che determinano il prezzo dell'oro e come individuarli su un grafico.

Tradizionalmente si afferma che il prezzo dell'oro tende a salire quando l'inflazione è alta e a scendere quando l'inflazione è bassa. Tuttavia, la relazione tra oro e inflazione è molto più intricata a causa dei numerosi fattori che influenzano il prezzo di questo bene globale. La comprensione di questi fattori è essenziale, poiché essi svolgono un ruolo complesso nel determinare il prezzo risultante di questo metallo prezioso. Inoltre, alcuni di questi fattori sono potenzialmente in grado di fornire indicazioni sull'andamento futuro a breve termine del prezzo dell'oro.

Quali fattori di mercato determinano il prezzo dell'oro?

I principali fattori macroeconomici che determinano l'andamento del prezzo dell'oro sui mercati globali sono:

  • Eventi geopolitici globali (sentiment risk off/on)

  • Dollaro USA, tassi di interesse, inflazione

  • Banche centrali

 

Fattore 1: Eventi geopolitici globali - sentimento di risk off / risk on

Gli eventi globali della pandemia di Coronavirus e dell'invasione dell'Ucraina hanno avuto un profondo impatto sui mercati mondiali, creando una diffusa incertezza e un sentimento di risk-off. Tuttavia, in entrambi i casi, il comportamento del tasso di cambio dell'oro ha sfidato le aspettative. All'annuncio della pandemia Covid-19, l'oro ha registrato una notevole e sostenuta traiettoria al rialzo sul grafico. Al contrario, in seguito all'invasione dell'Ucraina da parte della Russia, l'oro ha inizialmente registrato un aumento nelle prime due settimane dopo l'inizio del conflitto, per poi indebolirsi. Questo schema contrastante può essere chiaramente osservato esaminando il grafico dell'oro qui sotto.
 

Grafico oro 1: L'impatto della pandemia di Covid-19 e dell'invasione dell'Ucraina sul prezzo dell'oro
Grafico oro 1: L'impatto della pandemia di Covid-19 e dell'invasione dell'Ucraina sul prezzo dell'oro


La relazione tra il prezzo dell'oro e gli eventi geopolitici globali porta a una conclusione più ambigua. Se da un lato l'incertezza sui mercati può occasionalmente spingere il prezzo dell'oro ad apprezzarsi, dall'altro un'estrema avversione al rischio caratterizzata da un forte sentimento di risk-off può in realtà indebolirlo. Ciò è dovuto al fatto che durante i periodi di incertezza gli investitori cercano tipicamente rifugio nei beni rifugio.

Storicamente, i titoli di Stato statunitensi sono stati il porto sicuro preferito rispetto all'oro. A differenza dell'oro, queste obbligazioni offrono agli investitori un rendimento sotto forma di interessi. L'oro, essendo un asset non remunerativo, non offre un rendimento fisso, il che influisce sulla sua attrattiva durante gli episodi di risk-off.

Imparare a fare trading sull'oro


Ebook: come fare trading sull'oro
 


Articolo: Perché e come negoziare l'oro
 

Fattore 2: dollaro USA, tassi d'interesse e inflazione

Il tasso di cambio dell'oro, quotato in dollari USA per oncia troy, presenta un'evidente relazione inversa con il valore del dollaro USA. Quando il dollaro USA si indebolisce, l'oro tende ad apprezzarsi, mentre un rafforzamento del dollaro USA porta spesso a un calo del prezzo dell'oro. Questa relazione è chiaramente visibile analizzando il grafico sottostante, in cui l'oro è rappresentato nella finestra superiore e l'indice del dollaro USA in quella inferiore. Il grafico settimanale fornisce una rappresentazione visiva di questa correlazione inversa tra oro e dollaro USA.
 

Grafico dell'oro #2: Oro e indice USD su grafico settimanale
Grafico dell'oro 2: Oro e indice USD su grafico settimanale


Dopo la decisione della Federal Reserve di tagliare i tassi d'interesse allo 0,25% nel marzo 2020 in risposta all'impatto della pandemia di Covid-19, l'oro ha registrato un notevole e robusto apprezzamento, in concomitanza con l'indebolimento del dollaro statunitense. Successivamente, l'oro è entrato in una fase di stabilità, con un andamento relativamente laterale. A questa osservazione si aggiunge il fatto che la politica monetaria allentata attuata dalla Federal Reserve ha contribuito a un rapido aumento dell'inflazione negli Stati Uniti dal 13 aprile 2021 al 13 luglio 2022.

In risposta alle crescenti pressioni inflazionistiche, la Federal Reserve è intervenuta con decisione all'inizio del 2022, aumentando rapidamente i tassi di interesse per frenare la crescita dei prezzi. I rialzi dei tassi sono iniziati il 16 marzo 2022. È interessante notare che durante le fasi iniziali del rialzo dei tassi, l'inflazione ha continuato a salire, mentre il prezzo dell'oro si è indebolito. Contemporaneamente, il dollaro USA si è apprezzato grazie all'aumento della domanda di titoli del Tesoro americano, che offrono tassi di interesse più elevati.

Il 13 luglio 2022, tuttavia, le dinamiche si sono invertite: l'inflazione ha iniziato a diminuire. Nonostante la presenza di un dollaro forte, il deprezzamento dell'oro persistette per un certo periodo. Solo nell'ottobre 2022 l'oro ha iniziato una tendenza al rafforzamento, in concomitanza con un significativo indebolimento del dollaro statunitense, mentre l'inflazione ha continuato la sua traiettoria discendente.

 

L'efficacia dell'oro come copertura dell'inflazione nel medio termine è limitata, per cui è essenziale concentrarsi sulle azioni della Federal Reserve e sul loro impatto sulla valuta per ottenere indicazioni preziose sulla potenziale evoluzione dei prezzi dell'oro.​


 

Fattore 3: banche centrali

Le banche centrali svolgono un ruolo significativo nell'influenzare il prezzo dell'oro. Durante i periodi di forte crescita economica e di consistenti riserve valutarie, le banche centrali possono cercare di diminuire le proprie disponibilità in oro. Questo perché l'oro, a differenza delle obbligazioni o dei depositi, non genera alcun rendimento, esercitando una pressione al ribasso sul suo prezzo.

L'eventuale vendita da parte della Russia delle sue riserve auree per raccogliere fondi in seguito alle pressioni finanziarie potrebbe avere un impatto sul prezzo dell'oro. Secondo la Banca Mondiale, un simile scenario potrebbe far scendere il prezzo dell'oro a circa 1.400 dollari per oncia entro il 2030.

Al contrario, la comunità dei BRICS sta valutando l'introduzione di una valuta sostenuta dall'oro. Con sufficienti riserve d'oro, se i Paesi fossero costretti a pagare le materie prime in questa valuta aurea, essa potrebbe competere con il dollaro USA. Questo potrebbe potenzialmente portare a un deprezzamento del dollaro USA, facendo aumentare il prezzo dell'oro.

Conclusione

In conclusione, il prezzo dell'oro è soggetto all'influenza di numerosi fattori, come illustrato in questo articolo. L'oro è un bene complesso, che rende quasi impossibile una previsione di prezzo a lungo termine. Tuttavia, nel breve termine, è possibile identificare alcuni modelli che aiutano i trader nelle loro speculazioni. Il motore principale della dinamica del prezzo dell'oro è costituito dalle azioni della Federal Reserve statunitense e dal valore del dollaro USA, che rivestono un'importanza fondamentale nel determinare la traiettoria dell'oro.

Articolo consigliato:

Termini principali

Valute di materie prime
Mostra la risposta
Tra queste, il dollaro canadese (CAD), il dollaro australiano (AUD) e il dollaro neozelandese (NZD). Il valore di queste valute è influenzato dal valore delle materie prime prodotte dai paesi. Ad esempio, il CAD è influenzato dal prezzo del petrolio, l'AUD dal prezzo dell'oro, del minerale di ferro e del carbone e il NZD dal prezzo della produzione lattiero-casearia.
FED
Mostra la risposta
La Fed è la banca centrale degli Stati Uniti d'America. Le decisioni della Fed hanno un impatto non solo sul dollaro USA, ma spesso anche su altre valute, materie prime e indici azionari. Per questo motivo, le decisioni della Fed sono oggetto di grande attenzione da parte dei trader Forex.
Hedging
Mostra la risposta
Una tecnica di trading che consiste nell’apertura di posizioni sullo stesso strumento ma in direzioni opposte per abbassare o annullare il margine richiesto (si verifica così un “netting della posizione”) e avere comunque un’esposizione al mercato. Ad esempio, se un trader ha una posizione di acquisto per 1 lotto sull’EURUSD e poi apre una posizione di vendita per 1 lotto sull’EURUSD, questo va ad annullare il margine richiesto e il profitto generato dalle posizioni aperte varierà solo in termini di variazione dello spread sull’EURUSD.
Inflazione
Mostra la risposta
Una situazione economica in cui i prezzi aumentano, riducendo il potere d'acquisto dei consumatori. È un indicatore molto importante per le banche centrali. Se l'inflazione è bassa, può essere un segnale per abbassare i tassi di interesse. Se l'inflazione è alta, è probabile che la banca centrale aumenti i tassi di interesse.
Tasso di interesse
Mostra la risposta
L'indicatore più importante per l'analisi fondamentale. I tassi di interesse sono fissati dalle banche centrali. Una diminuzione del tasso di interesse può significare un indebolimento della valuta nazionale e, al contrario, un aumento del tasso di interesse può portare a un rafforzamento della valuta.
Gestione del rischio
Mostra la risposta
Per gestione del rischio si intende l'implementazione di regole per garantire il controllo del conto in caso di eventi avversi. Esempi di questi eventi sono la variazione dei tassi di interesse, la variazione del tasso di cambio di una coppia di valute, la mancanza di liquidità. Gli strumenti di gestione del rischio includono ad esempio un piano di trading, l'uso di stop loss, la definizione di un importo massimo che il trader rischia in un'operazione, ecc.
Analisi del sentiment
Mostra la risposta
Il sentiment di mercato si occupa delle emozioni e della psicologia dei partecipanti al mercato. L'analisi del sentiment di mercato mostra se i trader hanno desiderio di vendere o comprare.
67,90 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore.
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio elevato di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. 67,90 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se sai come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.