67,90 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore.
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio elevato di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. 67,90 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se sai come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

5 principi per un trading migliore nel 2024

Pubblicata: 24.01.2024

Se hai deciso di prendere il pieno controllo del tuo trading quest'anno, ecco 5 principi che ti aiuteranno a farlo.

Il trading non è così facile come può sembrare a prima vista. Alternare profitti e perdite è spesso all'ordine del giorno e per i nuovi trader un conto cancellato non fa eccezione. Ciò porta comprensibilmente a dubitare e i trader iniziano a cercare metodi complicati per uscirne.

A volte, però, è sufficiente seguire i principi, che sono sorprendentemente molto semplici. Ecco perché in questo articolo abbiamo preparato cinque raccomandazioni che ti torneranno sicuramente utili nella vostra carriera di trader.

Principio 1: fissare un obiettivo chiaro

Ogni trader percepisce il successo nel trading in modo diverso. Comunque sia, ognuno di noi ha bisogno di fissare un obiettivo prima di poter valutare se ha avuto successo o meno.

In generale, un obiettivo significativo dovrebbe essere SMART (specifico, misurabile, realizzabile, pertinente e limitato nel tempo).

Per alcuni, l'obiettivo sarà quello di sopravvivere al primo anno sul mercato e di non azzerare il conto. Un altro considererà qualsiasi profitto come un successo, mentre un altro ancora vorrà ottenere un apprezzamento superiore all'indice SP500 al netto delle imposte tra un anno.

Ma gli obiettivi non riguardano solo l'apprezzamento percentuale del conto. Infatti, il risultato finale dipende dai passi che il trader compie durante il processo, che poi sfocia nello stato finale. Pertanto, gli obiettivi di processo devono essere seguiti. Per illustrare, ecco alcuni esempi:

  • Scriverò una strategia di trading.

  • Registrerò tutte le operazioni in un diario di trading.

  • Farò trading dalle 15:00 alle 17:00.

  • Studierò le tendenze del trading (ad esempio, il concetto di smart money).

  • Testarò la mia strategia di trading su una demo.

  • Rischierò lo 0,5% su ogni operazione, ecc.


Scrivi i tuoi obiettivi e valutateli regolarmente. Questo renderà i tuoi obiettivi personali più motivanti, in quanto ti daranno un maggiore senso di importanza e di impegno.

Inizia a fare pratica oggi stesso


Il tuo capitale è a rischio.

Principio 2: conoscere il proprio nemico

Se c'è una cosa che possiamo dire dei mercati è che sono molto imprevedibili. Quando sembra che debbano salire, iniziano a scendere, i supporti si rompono invece di rimbalzare, e le spiegazioni per le mosse inaspettate di solito arrivano solo quando è troppo tardi, ecc. È chiaro che i mercati non sono amichevoli. Ma il mercato è ben lontano dall'essere il peggior nemico del trader.

Il peggior nemico del trader è un altro. Spesso sabotiamo il nostro successo e facciamo cose che non dovremmo fare sui mercati. Pertanto, siamo noi i nostri nemici. Se vuoi avere successo, dovrai uscire dalla tua zona di comfort e fare le cose in modo diverso dalla maggior parte di coloro che perdono denaro sui mercati

Per fare le cose in modo diverso da come le fa la maggior parte degli altri, dovrai conoscere te stesso. Ciò significa che dovrai conoscere i tuoi limiti, metterli alla prova e superarli.

Questo implica anche un altro aspetto fondamentale della conoscenza di se stessi, ovvero rispondere alla domanda: "Perché faccio trading?". In breve, i trader dovrebbero avere ben chiara la motivazione che li spinge a fare trading. Se l'unica motivazione alla base è il desiderio di fare soldi e il divertimento dell'attività in sé è secondario o inesistente, allora molto probabilmente non sarà sufficiente per avere potenzialmente successo. Il trading dovrebbe prima o poi portare alla consapevolezza che, oltre a fare soldi, si tratta anche di sviluppo personale e che è necessario dedicare un po' di tempo a questo aspetto.

Aumenta le tue conoscenze di trading con Purple Academy!

I trader di successo non smettono mai di imparare. Per questo motivo abbiamo creato la Purple Academy, dove potrai trovare articoli interessanti, ebook che ampliano le conoscenze e tutorial di trading dettagliati. Quindi, se sei interessato, tuffati e inizia a imparare! (È gratis).

Principio 3: imparare a pensare in modo critico e razionale

La mente umana è predisposta per cercare varie scorciatoie. A livello professionale, questo si chiama bias cognitivo, che può portarci a conclusioni sbagliate. Un semplice esempio nella vita reale è l'effetto della prima impressione, in cui i primi 5 secondi determinano la conclusione che traiamo su una persona. Se non ci ha impressionato con qualcosa, praticamente non importa quanto sia brava nel suo campo. Un altro esempio: se in un negozio si vede un'etichetta con 40 euro barrati e un prezzo di 20 euro sotto di essa, è più allettante che se l'insegna dicesse solo 20 euro.

In totale esistono circa 180 pregiudizi cognitivi, che influenzano il modo in cui percepiamo la realtà che ci circonda e si manifestano in diversi ambiti della vita. Anche nel trading, naturalmente, queste influenze sono all'opera e, purtroppo, non sono certo utili. Alcuni di essi hanno un forte potenziale per scatenare emozioni e vari contesti psicologici spiacevoli nel trading, che sorprenderanno un nuovo arrivato.
 

Esempi di bias cognitivi nel trading:

  • Pensiero selettivo: preferiamo gli stimoli che ci interessano di più e che hanno una maggiore carica emotiva, a scapito di altri stimoli.

  • Sindrome della mano calda: Credenza che, dopo una serie di successi, si sia "in vantaggio" e che si continuerà a fare bene.
  • Avversione alle perdite: Emozioni significativamente negative causate da ogni perdita, anche la più piccola.
  • Revenge trading: apertura costante di nuove operazioni per "guarire" dalle perdite precedenti.


Questi quattro e molti altri esempi di bias cognitivi sono alla base della spiegazione del motivo per cui molti trader non riescono a fermare le perdite o addirittura il contrario, perché dopo aver ottenuto un profitto tendono a continuare a fare trading anche quando non c'è il segnale. Il che alla fine porta a delle perdite, ovviamente.
 

Ma cosa fare?

Il primo passo per evitare di soccombere a questi fenomeni nel trading è conoscerli e comprenderli. Il secondo passo per contrastare le influenze emotive nel trading è la massima razionalizzazione e il pensiero critico. Pertanto, basa il tuo approccio ai mercati sui fatti.

Ebook: Come fare trading nel Forex

Una guida completa ai mercati finanziari. Spiegazione dei termini e dei concetti di base del trading sul Forex. Una descrizione dei passi necessari per scegliere un broker di qualità. Dimostrazioni delle formazioni di prezzo di base su un grafico e come operare su di esse

Principio 4: rischia solo ciò che puoi permetterti di perdere

Questa regola è vecchia, ma è ancora così importante che vale la pena ricordarla ancora una volta. Non prendete mai in prestito denaro per fare trading e assicuratevi sempre di destinare al vostro conto di trading solo la somma di denaro che potete permettervi di perdere. In altre parole, fate trading solo con una quantità di denaro che, se perdete, non ti farà perdere il tuo stile di vita.

In finanza, purtroppo, il rischio è onnipresente. È vero che se si vogliono ottenere rendimenti potenzialmente superiori alla media, il rischio, espresso in termini di perdita di denaro, aumenta sempre. I conti bancari sono a basso rischio. Non c'è rischio di mercato dovuto alle fluttuazioni dei prezzi. Ma è anche per questo che il rendimento è basso.

Se si vuole cercare di trarre attivamente profitto dalla volatilità del mercato, non si può evitare l'esposizione al rischio. Ciò significa che dovete imparare a gestire il rischio per ridurre la probabilità che si verifichi. Pertanto, dovresti operare solo con un sistema di cui ti fidi al 100%, sapendo dove posizionare lo stop loss, ecc.

Principio 5: Il trading non è tutto

Questo paragrafo potrebbe essere riassunto in una frase: il trading non deve diventare il centro di tutta la tua vita. Questo potrebbe portare all'isolamento dal mondo esterno e, in casi estremi, alla dipendenza.

Pertanto, è necessario avere altre fonti di gioia che forniscano un'esperienza emotiva positiva più forte dell'esperienza di trading. Non dimenticarti di te stesso. Se hai una famiglia armoniosa, è fantastico. Incontra gli amici, fate sport, viaggiate, gioca con il tuo animale domestico, ecc. In breve, fai di più di ciò che ti piace.

Lo stile di vita è collegato a questo aspetto. Se "dormi" da McDonald's, dopo un po' di tempo l'effetto sulla tua mente e sul tuo corpo sarà diverso da quello di una dieta nutrizionalmente equilibrata. E non sottovalutare assolutamente la qualità del sonno. Il trading è mentalmente impegnativo e la tua mente ha bisogno di rigenerarsi. Spegni quindi la piattaforma due ore prima di dormire e riaccendetela solo un'ora dopo il risveglio. In questo modo avrai più energia, che ti tornerà sicuramente utile nell'impegnativa professione del trader.

67,90 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore.
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio elevato di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. 67,90 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se sai come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.