67,90 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore.
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio elevato di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. 67,90 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se sai come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

5 fondamentali chiave nel 2023

Pubblicata: 16.02.2023

Gli attuali eventi di mercato favoriscono ancora i trader attivi e gli speculatori piuttosto che gli investitori. Se avete intenzione di fare trading quest'anno, o se l'avete già fatto, vi sarà utile avere una panoramica dei principali dati fondamentali. In questo articolo vi diremo quali sono i 5 fondamentali che saranno fondamentali per il trading nel 2023.

Fondamentale 1: inflazione negli USA

L'inflazione di gennaio di mercoledì negli Stati Uniti ha chiarito che non siamo ancora fuori dai guai. L'inflazione è aumentata del 6,4% su base annua, mentre il mercato si aspettava un aumento del 6,2%. Ancora più importante è l'inflazione core, calcolata senza i prezzi volatili di cibo ed energia. È aumentata del 5,6% su base annua e ha superato di un decimo di punto percentuale le stime.

È l'inflazione di fondo quella che la Fed statunitense considera più importante e di cui tiene conto per definire la propria politica monetaria. I fattori che hanno maggiormente contribuito all'inflazione statunitense sono stati l'aumento dei costi degli alloggi, delle assicurazioni e dell'abbigliamento.

Vývoj meziroční “headline” inflace v USA, zdroj: Tradingeconomics

Inflazione annuale negli Stati Uniti, fonte: Tradingeconomics

Per contro, i prezzi delle auto usate sono leggermente diminuiti. L'inflazione di gennaio ha messo un po' in crisi gli investitori troppo entusiasti, che consideravano già conclusa la lotta all'inflazione. Tuttavia, ci aspettavamo che i dati di gennaio fossero leggermente peggiori, proprio per il fatto che a gennaio molti articoli sono sopravvalutati.

Il lato positivo è che possiamo almeno osservare la tendenza a lungo termine dell'inflazione complessiva statunitense. Lo si può vedere nel grafico sottostante. Da giugno si nota una chiara tendenza al ribasso, che sta provocando un aumento della propensione al rischio, soprattutto tra gli investitori retail. Tuttavia, i loro colleghi più professionali sono ancora cauti. A partire da febbraio, l'inflazione dovrebbe già scendere a un ritmo più rapido e attestarsi intorno al 3% entro la fine dell'anno negli Stati Uniti. Tuttavia, le impostazioni dei tassi di interesse saranno fondamentali per i mercati.

Očekávané kroky Fedu na dalším setkání 22. 3. Zdroj: CME

Azioni della Fed previste per la prossima riunione del 22 marzo Fonte: CME

Fondamentale 2: i tassi di interesse

Un altro indicatore chiave è la traduzione delle statistiche sull'inflazione nelle aspettative della Fed. È già certo che i tassi di interesse aumenteranno nuovamente di 25 punti base nella prossima riunione di fine marzo. È aumentata anche la probabilità che i tassi aumentino di nuovo allo stesso ritmo all'inizio di maggio. I tassi di interesse potrebbero quindi salire fino alla fascia del 5,25%-5,5%. Tuttavia, un livello inferiore di 25 pb ci sembra ancora più probabile.

Tuttavia, la probabilità di un aumento dei tassi di interesse favorisce un rafforzamento del dollaro USA. Ciò potrebbe portare a una maggiore pressione sui mercati azionari e delle materie prime. A fine anno, il mercato prevede ancora uno o due tagli dei tassi negli Stati Uniti, ma è possibile che non si verifichi affatto. Il rischio maggiore per quest'anno è rappresentato dallo sfasamento delle aspettative di fissazione dei tassi d'interesse tra il mercato e la Fed. L'inflazione e i tassi di interesse negli Stati Uniti sono quindi fondamentali per la maggior parte degli asset, tra cui criptovalute, forex, materie prime e obbligazioni.

Fondamentale n. 3: dati sul mercato del lavoro statunitense

I fondamentali di cui sopra sono legati al monitoraggio dell'inflazione e dei tassi d'interesse, che sono strettamente interconnessi. Tuttavia, c'è un altro attore altrettanto importante: il mercato del lavoro statunitense. Il mercato del lavoro statunitense è incredibilmente forte, con un tasso di disoccupazione al livello più basso dal 1969. Per quanto questo dato possa sembrare positivo, ogni medaglia ha due facce. Un mercato del lavoro forte significa pressione al rialzo sui salari e, di conseguenza, più spesa, che si traduce in un aumento dell'inflazione.

Vývoj úrovně nezaměstnanosti v USA, zdroj: Tradingeconomics

Il tasso di disoccupazione negli USA, fonte: Tradingeconomics

La banca centrale deve quindi domare questa inflazione da domanda aumentando i tassi di interesse. Questo porta a un calo dei consumi, a una peggiore performance aziendale e a licenziamenti. Può persino portare a una crisi finanziaria. Negli Stati Uniti, la disoccupazione è scesa al 3,4% a gennaio e l'economia americana ha creato addirittura 517.000 nuovi posti di lavoro. Entrambi i dati indicano un mercato del lavoro molto più surriscaldato del previsto.

 

I trader dovrebbero tenere d'occhio:

 
  • Statistiche mensili regolari sul tasso di disoccupazione generale

  • Buste paga non agricole (nuovi posti di lavoro nel settore agricolo)

  • Statistiche sulle richieste di disoccupazione di giovedì

  • Statistiche mensili sulla crescita dei salari

 

L'ultimo indicatore in particolare è molto importante per la Fed. Tuttavia, a meno che il mercato del lavoro non mostri un significativo raffreddamento, la Fed non avrà motivo di cambiare la propria posizione in merito alla definizione della politica monetaria, tanto meno di prendere in considerazione un taglio dei tassi di interesse quest'anno.

Vývoj výrobního PMI v USA, zdroj: Tradingeconomics

PMI manifatturiero statunitense, fonte: Tradingeconomics

Fondamentale 4: Indice PMI

L'indice dei responsabili degli acquisti nel settore manifatturiero è una statistica mensile condotta regolarmente tra i dirigenti del settore manifatturiero negli Stati Uniti. È essenzialmente una cartina di tornasole dell'industria manifatturiera americana e, per estensione, dell'economia. Se l'indice complessivo è superiore a 50, significa che l'industria manifatturiera è in espansione. Se è inferiore a 50, significa contrazione.

L'indice è calcolato in base a diverse sottocategorie, come i nuovi ordini, l'occupazione, la produzione e le scorte. L'indice mostra un chiaro raffreddamento dall'inizio del 2022, legato all'aumento dell'inflazione e dei tassi di interesse. Attualmente è addirittura a 47,4, il valore più basso da maggio 2020, quando il mercato è stato colpito dallo shock del coronavirus. L'industria manifatturiera statunitense sta quindi mostrando un chiaro raffreddamento e questo è uno dei segnali che dovrebbe impedire alla banca centrale statunitense di inasprire troppo i tassi di interesse. Tuttavia, senza un nuovo taglio dei tassi, non possiamo aspettarci un aumento significativo dell'indice. Durante la grande crisi finanziaria del 2008, l'indice è addirittura sceso a volte sotto i 35 punti.

Fondamentale 5: performance economica

Nei mercati azionari, poche cose possono causare movimenti così significativi come i risultati economici. Durante l'anno selvaggio del 2022, abbiamo assistito a diversi rally azionari che sono riusciti a muovere gli indici in modo significativo anche in un mercato orso così pronunciato. Attualmente siamo nella seconda metà della stagione degli utili dell'ultimo trimestre dell'anno scorso e abbiamo già una visione interessante sullo stato attuale delle aziende statunitensi.

Al 10 febbraio, 345 società dell'S&P 500 hanno comunicato i loro risultati. Di queste, il 69% ha battuto le aspettative del mercato per quanto riguarda gli utili. Probabilmente starete pensando che questi numeri non sono poi così male. Tuttavia, la media statistica su 5 anni è del 77% e su 10 anni del 73%.

Dosavadní hospodářské výsledky v USA. Zisky jednotlivých sektorů ve srovnání s očekáváním trh. Zdroj: Factset

Performance economica degli Stati Uniti fino ad oggi. Profitti settoriali rispetto alle aspettative del mercato. Fonte:Factset

Quindi i risultati delle società sono chiaramente in ritardo. Inoltre, in media, hanno battuto le aspettative del mercato solo dell'1,1%. Ancora una volta, guardiamo alle medie a 5 e 10 anni, che sono rispettivamente dell'8,6% e del 6,4%. Quali sono i settori che soffrono di più e viceversa? Il grafico sottostante fornisce un indizio. I servizi pubblici sono quelli che hanno fatto meglio finora, il che è comprensibile data la natura non ciclica del settore. Seguono la tecnologia e la sanità. All'estremo opposto troviamo la finanza e il settore immobiliare.

Dosavadní hospodářské výsledky v USA. Očekávání zisků v Q1 2023 u jednotlivých sektorů ve srovnání s očekáváním trhu. Zdroj: Factset

Performance economica degli Stati Uniti fino ad oggi. Aspettative di guadagno per il 1° trimestre 2023 per ciascun settore rispetto alle aspettative del mercato. Fonte: Factset

Ma ancora più interessante è uno sguardo ai risultati previsti per il primo trimestre di quest'anno. I mercati azionari riflettono il futuro piuttosto che il presente e il passato. Anche in questo caso, possiamo basarci sui dati pubblicati finora. Finora solo 71 società hanno reso note le loro indicazioni sugli utili per il trimestre in corso. Di queste, 58 prevedono un primo trimestre peggiore di quanto inizialmente previsto dal mercato. Il settore immobiliare e quello delle comunicazioni sono ancora una volta i più deboli. I migliori performer sono la tecnologia e la sanità. Va tuttavia sottolineato che la stagione degli utili non è ancora terminata e le cifre indicate sono soggette a variazioni. Lo stesso vale per le prospettive per il 1° trimestre, dove i dati sono disponibili solo per circa un quinto delle società. Tuttavia, i dati citati indicano chiaramente un raffreddamento della sfera aziendale statunitense.

Glossario

Orso / Bear market
Mostra la risposta
Denominato anche "mercato orso", è un termine che indica un mercato ribassista.
Analisi fondamentale
Mostra la risposta
Nell'analisi fondamentale, il mercato forex viene analizzato utilizzando dati macroeconomici, fattori sociali o politici che possono influenzare la domanda di un determinato strumento.
Inflazione
Mostra la risposta
Una situazione economica in cui i prezzi aumentano, riducendo il potere d'acquisto dei consumatori. È un indicatore molto importante per le banche centrali. Se l'inflazione è bassa, può essere un segnale per abbassare i tassi di interesse. Se l'inflazione è alta, è probabile che la banca centrale aumenti i tassi di interesse.
Tasso di interesse
Mostra la risposta
L'indicatore più importante per l'analisi fondamentale. I tassi di interesse sono fissati dalle banche centrali. Una diminuzione del tasso di interesse può significare un indebolimento della valuta nazionale e, al contrario, un aumento del tasso di interesse può portare a un rafforzamento della valuta.
Purchase Managers Index
Mostra la risposta
Il Purchasing Managers Index (PMI) è un indice dei responsabili degli acquisti che indica le aspettative dei manager circa l'espansione o la contrazione del settore. Se l'indice è superiore a 50, indica un'espansione. Un valore inferiore a 50 indica una contrazione del settore. Il PMI viene monitorato per il settore manifatturiero e per il settore dei servizi.
67,90 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore.
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio elevato di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. 67,90 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se sai come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.