67,90 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore.
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio elevato di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. 67,90 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se sai come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

TOP 3 titoli per novembre 2023

Pubblicata: 01.12.2023

Ti stai chiedendo dove cercare la volatilità nei mercati azionari per speculare? Il nostro regolare riepilogo dei 3 titoli più scambiati dai clienti di Purple Trading per il mese di novembre ti darà un indizio.

La valutazione di Apple è eccessiva?

Il titolo Apple è stato uno dei motori del rally di quest'anno dei titoli tecnologici, con una crescita di oltre il 50% dall'inizio dell'anno, che si traduce in un valore difficilmente credibile di 1.000 miliardi di dollari (attualmente superiore all'intero valore di Meta). Attualmente la capitalizzazione dell'azienda si sta nuovamente avvicinando alla magica soglia dei 3.000 miliardi di dollari. Ma una valutazione così elevata è giustificata? Dopo tutto, negli ultimi mesi Apple è stata afflitta da qualcosa che gli investitori non amano vedere: l'assenza di crescita, e per 4 trimestri di fila.

I risultati del trimestre precedente sono stati a dir poco contrastanti. Sebbene Apple abbia battuto le aspettative del mercato per quanto riguarda gli utili e i ricavi, nulla è cresciuto tranne le vendite di iPhone e i ricavi dei servizi. Al contrario, l'hardware, come i computer Mac e gli iPad, ha subito un forte calo. Le vendite complessive sono state inferiori a quelle dello stesso trimestre dell'anno precedente. Le aspettative erano alte per le prospettive del trimestre in corso, che tradizionalmente è il più importante per Apple a causa delle festività. Sebbene l'azienda non abbia fornito una previsione ufficiale, secondo il direttore finanziario le vendite saranno all'incirca uguali a quelle dell'anno precedente. Il mercato si aspettava una crescita del 5%.
 

Azioni Apple su grafico D1, MT4
Azioni Apple su grafico D1, MT4


Ma Apple potrebbe sorprenderci durante il resto dell'anno. I consumatori statunitensi, in particolare, vanno ancora forte, come dimostrato dal Black Friday, che ha visto vendite record. La cosa più importante, ovviamente, sono le vendite di iPhone. Secondo Tim Cook, la nuova versione, l'iPhone 15, starebbe facendo meglio della precedente nello stesso periodo. Il calo delle vendite di Mac potrebbe essere legato alle grandi aspettative per il nuovo chip M3. D'altra parte, molti computer sono attualmente esauriti. Apple potrebbe anche essere aiutata dall'indebolimento del dollaro USA: con la prospettiva di tagli ai tassi di interesse negli Stati Uniti, il dollaro si sta indebolendo, il che è positivo per le vendite all'estero. Inoltre, Apple può contare su una divisione servizi in costante crescita e su un'enorme quantità di finanziamenti, che alla fine dell'ultimo trimestre ammontavano a 162 miliardi di dollari.

Tuttavia, l'aspetto negativo è la situazione in Cina, dove i consumatori sono estremamente cauti. Al momento, la Cina sta affrontando un prolungato periodo di deflazione, gli sviluppatori sono ancora in grande difficoltà e potrebbe diffondersi una nuova variante di coronavirus. Apple è ancora un colosso e una pietra miliare degli indici statunitensi, ma data la mancanza di crescita, le sue attuali valutazioni potrebbero sembrare troppo elevate. Per gli investitori e gli speculatori, quindi, la chiave sarà rappresentata dai risultati economici del trimestre in corso. L'anno prossimo Apple potrebbe continuare a prosperare grazie al calo dei tassi di interesse negli Stati Uniti. La crescita delle vendite potrebbe essere garantita da eventuali aumenti di prezzo o dai nuovi occhiali Vision Pro. Tuttavia, attualmente ci sono titoli più interessanti sul mercato che potrebbero offrire una crescita maggiore.

Citigroup risorgerà?

I titoli delle grandi banche sono stati un po' dimenticati nella seconda metà dell'anno. Eppure sono quelle che offrono un'attività relativamente stabile e, inoltre, dividendi elevati. Soprattutto il mese di marzo è stato cruciale per le banche, che hanno subito un'enorme pressione in seguito ai problemi del Credit Suisse e di alcune piccole banche statunitensi. Di conseguenza, le assicurazioni contro il fallimento delle banche più grandi sono diventate estremamente costose e in alcuni luoghi si sono registrati livelli simili a quelli del 2008. Lo shock successivo per il mercato bancario è arrivato a maggio e da allora la situazione è stata più o meno tranquilla.

Tuttavia, i titoli bancari non hanno rispecchiato molto l'andamento del mercato complessivo, che ha vissuto alcuni momenti di grande interesse. Potrebbero quindi presentarsi ora delle opportunità interessanti? Una di queste potrebbe essere Citigroup, una delle più grandi banche del mondo. Le sue azioni sono scese del 2% dall'inizio dell'anno, nonostante abbiano guadagnato il 15% nell'ultimo mese. Le azioni Citigroup sono ancora quasi il 50% al di sotto del livello di giugno 2021 e attualmente offrono un dividend yield di quasi il 5%. Si tratta quindi di una componente interessante del portafoglio?
 

Azioni Citigroup su grafico D1, MT4
Azioni Citigroup su grafico D1, MT4


Oltre al sentimento di mercato generalmente positivo, il movimento al rialzo dei titoli nell'ultimo mese è stato guidato dai solidi risultati di Citigroup. I ricavi e i profitti sono aumentati rispettivamente del 9% e del 2% e si prevede che la banca taglierà i costi il prossimo anno. Citigroup si sta dividendo in cinque sezioni e sta anche mostrando segni di dismissione di alcune attività nei mercati esteri. In particolare, sta vendendo alcune operazioni in Cina e Indonesia. Il prossimo anno potrebbe essere interessante per le banche in generale, grazie al calo dei tassi di interesse nelle principali economie.

Se da un lato i tassi d'interesse elevati rappresentano per le banche un modo privo di rischi per generare profitti, dall'altro hanno un impatto negativo sui prestiti, che rappresentano un'attività fondamentale per le banche. Di conseguenza, l'anno prossimo le banche potrebbero beneficiare di un aumento dei volumi dei prestiti e di un previsto incremento delle attività di fusione e acquisizione. Oltre a un dividend yield molto interessante, il titolo Citigroup può rappresentare una componente interessante di un portafoglio a lungo termine. Tuttavia, una crescita più consistente potrebbe essere impedita dalla ristrutturazione in corso, per cui questo investimento potrebbe essere un po' azzardato.

Fai trading su azioni CFD con Purple Trading

Più di 100 titoli delle società più rinomate del mondo nella tua piattaforma MT4; spread bassi ed esecuzione istantanea. Questo è lo scopo del trading di azioni CFD con Purple Trading.

Nvidia punta a 700 dollari?

L'anno 2023 è stato letteralmente rivoluzionario per Nvidia. Il produttore di chip ha vissuto un'incredibile rinascita grazie allo sviluppo dell'intelligenza artificiale e le vendite e gli utili sono cresciuti a un ritmo vertiginoso. Anche il titolo stesso ha registrato una crescita incredibile quest'anno, con un aumento di oltre il 230%. Ma come si comporterà Nvidia nei prossimi mesi? E quanto potrà crescere il titolo? La risposta può essere trovata nei risultati del terzo trimestre appena annunciati.

Diamo innanzitutto un'occhiata agli incredibili numeri riportati da Nvidia. I ricavi sono cresciuti di oltre il 200% rispetto all'anno precedente, raggiungendo i 18,12 miliardi di dollari, battendo le già alte aspettative del mercato di quasi 2 miliardi di dollari. Lo sviluppo degli utili è letteralmente estremo: da 680 milioni di dollari su base annua a 9,24 miliardi di dollari. Nessuna azienda delle megacapitali offre una crescita simile. Tradizionalmente, i data center si sono occupati della maggior parte delle entrate - 14,5 miliardi di dollari, Nvidia sta beneficiando della crescita del mercato del cloud. Circa la metà del fatturato proviene da fornitori di cloud come Amazon. Anche le vendite della sezione gaming hanno sorpreso, aumentando dell'80% rispetto all'anno precedente e battendo le aspettative del mercato.
 

Azioni Nvidia su grafico D1, MT4
Azioni Nvidia su grafico D1, MT4


Come si può vedere, Nvidia ha offerto numeri incredibili, eppure il titolo è sceso di oltre 20 dollari dopo i risultati, anche se il mercato è generalmente positivo. A cosa è dovuto? Nvidia potrebbe essere un po' vittima del suo stesso successo. Anche prima dei risultati, il titolo era già ai massimi storici e parte del mercato stava quindi prendendo profitto. Alcuni investitori potrebbero essere stati un po' spaventati dall'aspettativa dell'azienda di un calo significativo delle vendite in Cina. Ma in questo caso Nvidia è vittima dell'embargo statunitense, che ha vietato l'esportazione di chip di ultima generazione in Cina. Tuttavia, l'azienda non rallenta e sta preparando un chip speciale per il mercato cinese che dovrebbe essere conforme alla normativa.

A medio termine, Nvidia dovrebbe ottenere buoni risultati. Per il trimestre in corso, l'azienda prevede un fatturato di circa 20 miliardi di dollari, che rappresenterebbe un aumento di oltre il 200% rispetto all'anno precedente. Inoltre, l'uso dell'intelligenza artificiale e dei cloud è destinato a crescere l'anno prossimo. L'aumento della domanda di hardware per il mining di criptovalute potrebbe essere un ulteriore fattore di crescita. Con il calo dei tassi d'interesse e l'attesa per gli ETF, anche il bitcoin potrebbe prosperare, facendo tornare il mining a un numero maggiore di persone. Anche le principali banche statunitensi hanno reagito positivamente ai risultati, con JP Morgan e Goldman Sachs che hanno entrambe alzato il prezzo previsto per Nvidia. Alcune banche prevedono addirittura un prezzo obiettivo di circa 700 dollari per azione. Quindi, nonostante il livello attuale, il titolo Nvidia sembra avere ulteriori vantaggi e potrebbe salire ancora.

Articolo consigliato

67,90 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore.
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio elevato di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. 67,90 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se sai come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.