I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio elevato di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria.  63,00% degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se sai come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Panoramica dello Swing - Settimana 7

Gli eventi macroeconomici della scorsa settimana hanno avuto un impatto secondario sulla volatilità del mercato. La "grande storia" che sta attualmente muovendo i mercati è la situazione in Ucraina. Gli indici azionari si sono indeboliti e hanno testato nuovamente i loro forti supporti. Il vincitore della scorsa settimana, invece, è l'oro, che, a causa di queste incertezze geopolitiche, si è sorprendentemente rafforzato a 1.900 dollari l'oncia, dove è stato scambiato l'ultima volta a giugno 2021.

Dati macroeconomici dagli Stati Uniti

L'inflazione industriale statunitense su base annua si è attestata al 9,7%, in aumento rispetto al 9,8% del mese precedente. Questo è il primo calo dell'inflazione industriale da aprile 2020.

Le vendite al dettaglio hanno registrato dati molto forti, in aumento del 3,8% a gennaio (il mese precedente era sceso del 2,5%). Nel mercato del lavoro si è registrato un aumento inaspettato delle richieste iniziali di sussidi di disoccupazione di 248k (le aspettative erano di un aumento di 219k).

I verbali della riunione del FOMC pubblicati mercoledì non indicavano che la Fed stesse seriamente considerando un aumento del tasso dello 0,50% a marzo. Ciò ha dato una spinta temporanea ai mercati e alle valute di rischio, ma il principale motore dei mercati della scorsa settimana è stata la situazione in Ucraina.
 

Tensioni geopolitiche in Ucraina

La scorsa settimana venerdì, quando Jake Sullivan, il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, ha avvertito che la Russia potrebbe attaccare l'Ucraina "da un giorno all'altro", ha mandato in rosso gli indici azionari e gli investitori si sono concentrati sui cosiddetti "rifugi di salvataggio" come le obbligazioni statunitensi e l'oro, che ha subito un forte rialzo. Al contrario, le valute delle materie prime, gli indici azionari e le criptovalute, che sono visti come asset rischiosi, si sono indeboliti. Questo suggerisce cosa potrebbe accadere se si verificasse effettivamente un'invasione.

Al momento, tuttavia, entrambe le parti sembrano aperte a una soluzione diplomatica della crisi. Questo porta un certo sollievo e un cauto ottimismo anche se gli ulteriori sviluppi non sono chiari. Diamo un'occhiata a come i rendimenti obbligazionari statunitensi stanno reagendo alla situazione:


Figura 1: rendimento del titolo di Stato a 10 anni sul grafico 4H e indice USD sul grafico giornaliero


La domanda di queste obbligazioni è aumentata poiché gli investitori considerano i titoli di stato statunitensi come un "porto di salvataggio" in tempi di incertezza. Ciò aumenta il prezzo di queste obbligazioni. Poiché esiste una relazione inversa tra il prezzo delle obbligazioni e il loro rendimento d'interesse, un aumento del prezzo delle obbligazioni spinge quindi verso il basso i loro rendimenti. Questo spiega perché il rendimento di queste obbligazioni è sceso venerdì della scorsa settimana a seguito della notizia di un possibile attacco russo.

Nel complesso, tuttavia, i rendimenti di queste obbligazioni continuano a crescere poiché gli investitori prevedono un aumento dei tassi di interesse statunitensi. Ciò a sua volta ha avuto un effetto negativo sui titoli tecnologici nell'indice NASDAQ in particolare.

Apri un conto e fai trading con noi!


Il tuo capitale è a rischio.

Il NASDAQ e l'SP500


Figura 2: L'indice NASDAQ statunitense sul grafico H4 e D1


Il NASDAQ è iniziato la scorsa settimana venerdì con un calo significativo come gli altri indici. Poi c'è stata una correzione di questo declino quando è emersa la notizia che la Russia stava ritirando alcune delle sue truppe dal confine ucraino e che le esercitazioni militari erano terminate. Tuttavia, il rapporto successivo è stato che gli Stati Uniti non stavano vedendo alcun cambiamento al confine con l'Ucraina e l'indice NASDAQ è sceso di nuovo. La situazione attuale è che entrambe le parti hanno concordato ulteriori negoziati.

Da ciò si può vedere quanto siano sensibili gli indici a tali notizie. Consigliamo quindi ai nostri clienti di tenere d'occhio tutte le ultime notizie che emergono in relazione alla situazione in Ucraina.

La resistenza più vicina secondo il grafico H4 è a 14.606 - 14.673. La prossima resistenza è quindi 15050 - 15100. Il supporto secondo il grafico H4 è a 14.050 - 14.100.

Il supporto significativo secondo il grafico giornaliero è a 13.750-13.950.

Per quanto riguarda l'indice US SP 500, la situazione è simile qui.


Figura 3: SP 500 su grafico H4 e D1


La resistenza più vicina è a 4.471 – 4.491. La prossima forte resistenza è nell'area a 4.580 - 4.600.
Il supporto secondo il grafico H4 è a 4.357 – 4.367. Secondo il grafico giornaliero, il supporto significativo è a 4.225 - 4.300.
 

Indice tedesco DAX

La Germania ha riportato il sentiment economico ZEW, che si è attestato a 54,3 (mese precedente 51,7). Ciò indica un miglioramento delle prospettive per l'economia tedesca nei prossimi sei mesi.

Tuttavia, questo indice è stato sotto pressione la scorsa settimana, così come gli indici statunitensi.


Figura 4: Il DAX su H4 e il grafico giornaliero


Il 14 febbraio l'indice è sceso a 14.841, dove si trova il precedente supporto. La zona di questo forte supporto secondo il grafico giornaliero è piuttosto ampia: 14.800 - 15.000.

La resistenza più vicina secondo il grafico H4 è 15.440 - 15.530. La resistenza successiva segue immediatamente questa zona ed è nell'intervallo 15 534 - 15 617.
 

EUR/USD sotto pressione

L'EURUSD ha dimostrato che in tempi di incertezza politica, questa coppia tende a indebolirsi. Il calo è stato giustificato in termini di analisi tecnica dalla falsa rottura della resistenza, che è nell'area 1,1465 - 1,1480.


Figura 5: EURUSD su H4 e grafico giornaliero


La resistenza più vicina secondo il grafico H4 è nell'area di 1,1380 - 1,1400. Il supporto secondo il grafico H4 è a 1,1280 - 1,1300. Il supporto molto forte secondo il grafico giornaliero è quindi a 1,1120 - 1,1140.
 

L'oro

L'oro ha sorpreso la scorsa settimana con una forza inaspettata in base alla situazione intorno all'Ucraina. La notizia che la Russia potrebbe attaccare l'Ucraina in qualsiasi momento ha fatto aumentare il prezzo dell'oro. Alla fine ha raggiunto $ 1.900 per oncia troy, dove è stato scambiato l'ultima volta nel giugno 2021.


Figura 6: L'oro sul grafico H4 e D1

La resistenza più vicina secondo il grafico giornaliero è di 1.900 USD - 1.916 per oncia troy d'oro. Il supporto più vicino è 1.872 - 1.878. Il supporto più significativo è quindi a 1 845 - 1 852 USD per oncia.

Una volta che le tensioni geopolitiche si saranno calmate e i rendimenti dei titoli di stato statunitensi continueranno a salire, questa dovrebbe essere una notizia negativa per l'oro.