I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio elevato di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria.  67,30% degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se sai come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Panoramica dell'oscillazione - Settimana 28 2022

I nuovi record di inflazione di questa settimana hanno inviato un chiaro messaggio ai banchieri centrali. Gli ulteriori aumenti dei tassi di interesse devono essere più rapidi del passato. La prima delle grandi banche a prendere sul serio questa sfida è stata la Bank of Canada, che ha letteralmente scioccato i mercati con un rialzo dei tassi senza precedenti, pari a ben l'1%. Questo non è ovviamente positivo per le azioni, che si sono nuovamente indebolite nell'ultima settimana. Anche l'euro ha subito una battuta d'arresto ed è già sceso sotto la parità con l'USD. L'incertezza, invece, favorisce il dollaro USA, che ha raggiunto nuovi massimi storici.

Dati macroeconomici

I dati del mercato del lavoro statunitense, i cosiddetti NFP, hanno battuto le attese, in quanto l'economia americana ha creato 372 mila nuovi posti di lavoro a giugno (le attese erano di 268 mila) e il tasso di disoccupazione è rimasto al 3,6%. D'altro canto, però, le richieste di disoccupazione hanno continuato a salire, raggiungendo le 244 mila unità la scorsa settimana, la settima settimana consecutiva di aumento.

Ma la notizia cruciale è stata il dato sull'inflazione di giugno. Ha superato le aspettative e ha raggiunto un nuovo record del 9,1% su base annua, il valore più alto dal 1981. L'inflazione è aumentata dell'1,3% su base mensile. I prezzi dell'energia, aumentati del 41,6%, hanno avuto un forte impatto sull'inflazione. I cali dei prezzi delle materie prime, come il petrolio, non hanno ancora influenzato l'inflazione di giugno, il che potrebbe essere una notizia positiva. L'inflazione core, al netto dei prezzi di cibo ed energia, è aumentata del 5,9%, in calo rispetto al 6% di maggio.

Il valore dell'inflazione è stato uno shock per i mercati e il dollaro si è fortemente rafforzato. Lo si può vedere nell'indice del dollaro, che ha già superato i 109 punti. Vedremo come la Fed, che deciderà sui tassi di interesse tra meno di due settimane, reagirà a questo sviluppo. Un aumento dei tassi dello 0,75% è molto probabile e la domanda è se anche un tale aumento sarà sufficiente per i mercati. Nel frattempo, si è verificata un'inversione della curva dei rendimenti delle obbligazioni statunitensi. Ciò significa che i rendimenti delle obbligazioni a 2 anni sono più alti di quelli delle obbligazioni a 10 anni. Questo è uno dei segnali di recessione. 

swing 28-22 obr-1

Figura 1: La curva dei rendimenti dei Treasury USA sul grafico mensile e l'indice USD sul grafico giornaliero


L'indice SP 500

Oltre agli indicatori macroeconomici, anche la stagione degli utili in corso influenzerà l'andamento degli indici questo mese. Tra le principali banche, JP Morgan e Morgan Stanley hanno comunicato i risultati questa settimana. Entrambe le banche hanno riportato utili, ma inferiori alle aspettative degli investitori. L'impatto delle fonti di finanziamento più costose di cui le banche hanno bisogno per finanziare le loro attività sta probabilmente iniziando a farsi sentire.

Dobbiamo anche prestare attenzione ai dati della Cina che, a causa delle dimensioni dell'economia cinese, hanno un impatto sull'andamento degli indici globali. Il PIL del 2° trimestre in Cina è stato dello 0,4% su base annua, un calo significativo rispetto al trimestre precedente (4,8%). Le severe misure di blocco contro i nuovi focolai di COVID-19 hanno avuto un impatto sulla situazione economica del Paese. 


swing 28-22 obr-2

Figura 2: SP 500 su grafico H4 e D1

La minaccia di una recessione si sta diffondendo nell'indice SP 500 con un altro calo, che si è arrestato la scorsa settimana al livello di supporto, che secondo il grafico H4 si trova nell'intervallo 3.740-3.750. Il prossimo supporto è a 3.640 - 3.750. Il prossimo supporto è 3.640-3.670.  La resistenza più vicina è 3.930-3.950.

Indice DAX tedesco

Il sentiment tedesco ZEW, che mostra le aspettative per i prossimi 6 mesi, ha raggiunto - 53,8. Si tratta della lettura più bassa dal 2011. Si tratta della lettura più bassa dal 2011. L'inflazione in Germania ha raggiunto il 7,6% a giugno. Questo dato è inferiore a quello del mese precedente, quando l'inflazione era pari al 7,9%. Le preoccupazioni per la recessione globale continuano a influenzare l'indice DAX, che ha testato supporti significativi. 


swing 28-22 obr-3

Figura 3: Indice DAX tedesco su grafico H4 e giornaliero

Secondo il grafico giornaliero, il supporto forte è 12.443 - 12.500, che è stato testato nuovamente la scorsa settimana. Possiamo considerare le medie mobili EMA 50 e SMA 100 come una resistenza. La resistenza orizzontale più vicina è 12.950 - 13.000.


L'euro ha rotto la parità con il dollaro

L'euro è sceso sotto 1,00 sulla coppia con il dollaro per la prima volta in 20 anni, raggiungendo un minimo di 0,9950 la scorsa settimana. Anche se alla fine l'euro ha chiuso al di sopra della parità, quindi da un punto di vista tecnico non si tratta ancora di una rottura valida, l'indebolimento dell'euro indica i venti contrari che l'Eurozona sta affrontando: l'inflazione elevata, la crescita debole, la minaccia nelle forniture di materie prime energetiche, la guerra in Ucraina.


swing 28-22 obr-4
Figura 4: EUR/USD su grafico H4 e giornaliero

La prossima settimana la BCE deciderà sui tassi di interesse ed è ovvio che ci sarà un aumento dei tassi. È stato annunciato un modesto aumento dello 0,25%. Tenendo conto delle questioni menzionate in precedenza, la motivazione che spinge la BCE ad aumentare i tassi di un passo più significativo non sarà molto forte.

L'euro rimane quindi sotto pressione e non è impossibile che nel prossimo futuro si verifichi nuovamente una caduta sotto la parità.

La resistenza più vicina, secondo il grafico H4, si trova a 1,008 - 1,012. Il supporto è l'ultimo minimo, che si trova a 0,9950 - 0,9960.

La Banca del Canada ha tirato fuori il bazooka anti-inflazione

Gli analisti si aspettavano che la Banca del Canada alzasse i tassi dello 0,75%. Invece, la banca centrale ha scioccato i mercati con un aumento senza precedenti di ben l'1%, il più alto degli ultimi 24 anni. La banca centrale ha reagito all'inflazione, che in Canada è la più alta degli ultimi 40 anni. Con questo balzo dei tassi, la banca cerca di prevenire un aumento incontrollato dei prezzi.

La reazione del dollaro canadese è stata interessante. Subito dopo l'annuncio si è rafforzato in modo significativo. Poi, però, ha iniziato a indebolirsi bruscamente. Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che gli investitori si aspettano ora che la Fed statunitense ricorra a un rialzo dei tassi altrettanto brusco. 


swing 28-22 obr-5

Figura 5: USD/CAD su grafico H4 e giornaliero

Un'altra ragione potrebbe essere il calo dei prezzi del petrolio, a cui il dollaro canadese è correlato, essendo il Canada un importante produttore di petrolio. Il petrolio si sta indebolendo a causa dei timori di un calo della domanda che accompagnerebbe una recessione economica.

swing 28-22 obr-6
Figura 6: Petrolio sui grafici H4 e giornalieri

Il petrolio si trova attualmente in una tendenza al ribasso. Tuttavia, ha raggiunto un valore di supporto, che si trova nell'area vicina a 94 dollari al barile. Il supporto è già stato rotto, ma sul grafico giornaliero il petrolio ha chiuso sopra questo valore. Pertanto, non si tratta ancora di una rottura valida.

Apri un conto e inizia a investire con Purple Trading


Il tuo capitale è a rischio.