67,90 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore.
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio elevato di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. 67,90 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se sai come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Opportunità nel settore petrolifero Autunno 2023

Pubblicata: 27.10.2023

L'attuale situazione in Medio Oriente sta avendo un impatto significativo sui mercati, con i prezzi dell'oro e del gas naturale che hanno subito aumenti sostanziali. La volatilità maggiore, tuttavia, si registra nel petrolio, il cui prezzo sale e scende di diversi dollari praticamente ogni giorno. Quali altri fattori possono influenzare il prezzo del petrolio nelle prossime settimane? E dove cercare opportunità di trading in questo periodo? Scoprilo nell'articolo di oggi.

Primo scenario: petrolio sopra i 140 dollari?

L'andamento dei prezzi del petrolio per il resto dell'anno dipenderà da diversi fattori. Il principale è rappresentato dalle attuali tensioni geopolitiche in Medio Oriente. La regione è cruciale per la produzione di petrolio e un'eventuale escalation delle tensioni potrebbe far salire i prezzi del petrolio in modo significativo. Il lancio di un'operazione di terra nella Striscia di Gaza, che sembra imminente, potrebbe essere sufficiente per raggiungere il livello di 100 dollari al barile di Brent. Ciò farà arrabbiare gli Stati arabi, che hanno in mano il prezzo del petrolio e probabilmente non avranno paura di usarlo come arma politica. Il possibile coinvolgimento degli Stati Uniti nel conflitto, sia militarmente che attraverso le sanzioni, potrebbe far salire ulteriormente i prezzi del petrolio. I trader dovrebbero quindi tenere d'occhio tutte le notizie riguardanti l'escalation del conflitto israeliano. Sebbene siano in corso negoziati diplomatici, gli Stati Uniti in particolare sembrano intenzionati a evitare un'operazione di terra. Ciò ha causato una significativa correzione, con il prezzo del barile di petrolio Brent che è sceso sotto gli 88 dollari.
 

Petrolio greggio Brent nella piattaforma MT4 su timeframe D1
Petrolio greggio Brent nella piattaforma MT4 su timeframe D1


Lo scenario peggiore per i prezzi del petrolio sarebbe il coinvolgimento nel conflitto di Iran, Libano ed eventualmente Stati Uniti. In tal caso, il prezzo del petrolio potrebbe raggiungere i massimi storici di circa 140 dollari al barile. Tuttavia, tali prezzi elevati non durerebbero sul mercato a lungo termine: in primo luogo, incentivano i produttori non-OPEC a pompare più petrolio sul mercato per approfittare dei prezzi favorevoli. L'aumento dell'offerta farà quindi scendere il prezzo. Allo stesso modo, a questi livelli di prezzo del petrolio, la domanda diminuisce perché il carburante diventa troppo costoso e le persone rinunciano a viaggi non necessari.

Un eventuale aumento del prezzo del petrolio, con l'escalation del conflitto a livello internazionale, potrebbe causare un aumento simile a quello dell'inizio della guerra in Ucraina. La situazione attuale ricorderebbe quindi in modo impressionante gli anni '70, quando due crisi petrolifere causarono un enorme aumento dell'inflazione negli Stati Uniti. La prima crisi petrolifera può ora essere vista come lo scoppio della guerra in Ucraina, mentre l'attuale conflitto in Medio Oriente potrebbe degenerare nella seconda. Questa situazione provocherebbe una forte volatilità sui mercati, i prezzi elevati del petrolio probabilmente scatenerebbero nuovamente una spirale inflazionistica nei paesi occidentali, rendendo più difficile il lavoro delle banche centrali. I tassi di interesse elevati potrebbero quindi persistere più a lungo del previsto e la crescita economica sarebbe quindi minacciata. Ciò significa che le opportunità di trading potrebbero riguardare non solo il petrolio, ma anche gli indici azionari o le valute.

Il secondo scenario: petrolio sotto gli 80 dollari?

Anche la situazione in Cina sarà cruciale per l'andamento dei prezzi del petrolio: i dati sull'economia cinese sono contrastanti, ma la minaccia di una caduta nella deflazione e di una riduzione della crescita economica è ancora imminente. Gli sviluppatori sono ancora in grande difficoltà, gettando una cattiva luce sull'intera economia cinese. Praticamente ogni settimana leggiamo articoli su costruttori in bancarotta. Se la Cina non si sveglia rapidamente, i prezzi del petrolio potrebbero scendere di nuovo. Tuttavia, il PIL cinese del terzo trimestre ha mostrato qualche speranza, attestandosi al 4,9% rispetto allo stesso trimestre dell'anno precedente. Il mercato si aspettava solo il 4,4%.

Anche il 4° trimestre dovrebbe essere positivo per la Cina in termini di PIL, la crescita potrebbe essere superiore al 6%, dato che il 4° trimestre del 2022 è stato relativamente debole. Pertanto, le principali banche statunitensi prevedono che quest'anno la Cina raggiungerà nuovamente la crescita del PIL di oltre il 5% originariamente prevista per l'intero anno. Tuttavia, non ci aspettiamo un aumento significativo della domanda di petrolio in Cina entro la fine dell'anno: il Paese ha un eccesso di offerta di petrolio a prezzi più bassi e la sua domanda potrebbe quindi diminuire leggermente entro la fine dell'anno. Vediamo più spazio per le sorprese sul versante opposto: una crescita del PIL inferiore alle attese, un calo significativo delle esportazioni e delle importazioni, un nuovo scivolamento verso la deflazione o ulteriori problemi per gli sviluppatori sono fattori che ogni trader di materie prime dovrebbe tenere d'occhio.
 

Andamento del PIL cinese. In blu confronto anno su anno, in nero trimestre su trimestre. Fonte: Statista
Andamento del PIL cinese. In blu confronto anno su anno, in nero trimestre su trimestre. Fonte: Statista


Altrettanto importante, tuttavia, sarà la situazione negli Stati Uniti, dove è probabile che i tassi d'interesse rimangano alti più a lungo. Prima o poi, questo avrà un impatto sulla disoccupazione e il prezzo del petrolio potrebbe scendere a causa della prevista diminuzione della domanda. Inoltre, nelle ultime settimane la produzione petrolifera statunitense ha raggiunto i massimi storici. Gli Stati Uniti sono consapevoli dei rischi di rialzo associati agli attuali prezzi del petrolio e sono alla ricerca di ulteriori fonti. L'inflazione e gli alti prezzi del carburante sono uno dei problemi principali e le elezioni presidenziali si avvicinano rapidamente. Di conseguenza, sono attualmente in corso intensi negoziati con il Venezuela, da tempo sottoposto a sanzioni a causa del suo regime politico. Tuttavia, le prossime elezioni presidenziali in Venezuela potrebbero essere più democratiche e gli Stati Uniti stanno negoziando con il Paese per espandere la produzione di petrolio. Il Venezuela è un attore estremamente importante, poiché possiede le più grandi riserve di petrolio al mondo. Sebbene il petrolio venezuelano sia molto pesante e i costi di lavorazione siano elevati, l'espansione della produzione e delle esportazioni potrebbe far scendere i prezzi del petrolio. Anche se si tratta di un fattore più a lungo termine, qualsiasi notizia positiva sui negoziati tra Stati Uniti e Venezuela potrebbe far scendere il prezzo del petrolio.
 

Paesi per riserve di petrolio conosciute (miliardi di barili)
Paesi per riserve di petrolio conosciute (miliardi di barili)


Ma la chiave sarà la produzione di petrolio del cartello OPEC e della Russia, che ora hanno in mano il prezzo del petrolio. I prezzi elevati del petrolio sono molto comodi per loro e, visto quanto sta accadendo in Medio Oriente e il possibile indebolimento delle economie cinese e statunitense, non possiamo aspettarci un'espansione anticipata della produzione. Tuttavia, il cartello OPEC ha almeno confermato che la sua produzione non cambierà prima della fine dell'anno. Quindi, almeno per il momento, il timore di ulteriori tagli al petrolio ha abbandonato il mercato. Tuttavia, con l'ulteriore escalation delle tensioni in Medio Oriente, ulteriori tagli alla produzione o restrizioni alle esportazioni potrebbero essere una possibilità concreta. Per la fine dell'anno, quindi, possiamo aspettarci una forte volatilità dovuta ai fattori sopra citati, rischi che possono portare i prezzi del petrolio da una parte o dall'altra. Per i trader attivi, il petrolio rimane quindi uno degli strumenti più remunerativi. Ci sono quindi troppe variabili per prevedere i prezzi del petrolio per il prossimo anno, ma è molto probabile che dovremo abituarci a prezzi del petrolio più alti. Anche se il consumo globale di petrolio dovrebbe aumentare ancora l'anno prossimo, prevediamo che il prezzo medio del petrolio Brent nel 2024 sarà di circa 90 dollari al barile.

Articolo consigliato

67,90 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore.
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio elevato di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. 67,90 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se sai come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.