67,90 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore.
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio elevato di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. 67,90 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se sai come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Un evento importante che gli operatori del settore petrolifero attendono quest'anno

Il prezzo del petrolio reagisce molto bene ai grandi eventi macroeconomici o geopolitici. Non è un caso che eventi simili possano arrivare sui mercati nel corso dell'anno. Inutile dire che gli operatori ne sono consapevoli e attendono con impazienza. Perché se dovesse accadere, potrebbe potenzialmente creare un'opportunità di trading molto interessante...

Pubblicata: 04.05.2023

Negli ultimi mesi, diversi eventi hanno influenzato in modo significativo il prezzo del petrolio in borsa. Tuttavia, la liberazione delle riserve strategiche di petrolio negli Stati Uniti, avvenuta lo scorso anno, ha avuto un impatto duraturo sul prezzo del petrolio, facendolo scendere a un livello soddisfacente. Questo evento può essere visto come un contrappunto ai tagli alla produzione di petrolio da parte del cartello OPEC+, che attualmente fanno salire il prezzo del petrolio.

Dopo che l'OPEC+ ha annunciato i recenti tagli alla produzione nell'aprile del 2023, l'attenzione è ora rivolta agli Stati Uniti. Tuttavia, non è chiaro se gli Stati Uniti rilasceranno nuovamente le loro riserve strategiche o se opteranno per un approccio diverso. Resta da vedere come reagiranno gli Stati Uniti e che effetto avrà sul prezzo del petrolio a medio termine.

L'alto prezzo del petrolio come potenziale causa di disordini sul territorio statunitense

La concentrazione del mercato petrolifero nelle mani di pochi Paesi è un fatto noto. Tuttavia, nell'ultimo anno, questi attori si sono divisi in due campi. Da una parte c'è il cartello OPEC+ e i suoi affiliati, che lavorano per mantenere alti i prezzi del petrolio. Dall'altra gli Stati Uniti, che cercano di abbassare i prezzi del petrolio.

L'impatto degli alti prezzi del petrolio sull'economia statunitense è significativo, soprattutto in termini di inflazione. Il caro-carburante è inflazionistico e getta un'ombra negativa sull'amministrazione di Joe Biden, compromettendo potenzialmente le sue possibilità di rielezione. Inoltre, i prezzi elevati del petrolio rendono più difficile per la banca centrale raggiungere il suo obiettivo di inflazione del 2%, il che potrebbe comportare un aumento dei tassi di interesse per un lungo periodo di tempo.

Le conseguenze potrebbero essere gravi, con un potenziale impatto sulla crescita complessiva dell'economia statunitense o una recessione. L'importanza del petrolio va oltre le considerazioni economiche, in quanto il petrolio è un'arma sia economica che politica. Anche la Cina osserva attentamente gli sviluppi e continua a importare petrolio russo a basso costo.

Come possono gli Stati Uniti abbassare il prezzo del petrolio?

Abbiamo già trattato in questo articolo l'inattesa riduzione della produzione di petrolio di altri 1,16 milioni di barili al giorno da parte dell'OPEC+. Di conseguenza, i prezzi del petrolio sono saliti ai livelli più alti dal novembre 2022. Comunque sia, negli ultimi giorni i prezzi gonfiati del petrolio sono leggermente diminuiti a causa delle preoccupazioni per la possibile recessione imminente.

Come già accennato, l'aumento del prezzo del petrolio potrebbe indirettamente portare a una recessione e a un conseguente declino, creando un mercato autosufficiente. Tuttavia, gli Stati Uniti sono determinati a evitare una recessione e a portare il prezzo del petrolio al di sotto dei 70 dollari al barile. Un modo per raggiungere questo obiettivo è seguire la loro precedente strategia di liberare le riserve petrolifere strategiche statunitensi sul mercato.

Tuttavia, c'è un problema: le riserve petrolifere statunitensi sono al livello più basso degli ultimi 40 anni e gli Stati Uniti non hanno certo intenzione di cambiare le cose. Un simile segnale sarebbe chiaramente rialzista per i prezzi del petrolio, cosa che gli Stati Uniti vogliono assolutamente evitare. Prima o poi, però, dovranno comprare petrolio. Lo stato delle riserve strategiche è riportato di seguito. È evidente un calo significativo nel 2022.
 

Strategické ropné rezervy v USA, v milionech barelů. Zdroj: YchartsRiserve strategiche di petrolio degli Stati Uniti, in milioni di barili

Che effetto ha avuto lo svincolo delle riserve di petrolio sul prezzo del petrolio in passato?

Nel 2022, gli Stati Uniti hanno liberato 180 milioni di barili dalle loro riserve di petrolio in risposta alla crisi energetica seguita all'incursione della Russia in Ucraina. L'annuncio è stato dato da Joe Biden alla fine di marzo e nel giro di pochi giorni si è assistito a un enorme calo del prezzo del petrolio. L'andamento di un anno fa è mostrato nel grafico sottostante. Un barile di petrolio WTI è passato da circa 110 dollari a meno di 94 dollari in meno di due settimane. Gli Stati Uniti stavano quindi rilasciando gradualmente sul mercato circa 1 milione di barili di petrolio al giorno, pari a circa l'1% della domanda globale. Alla fine dell'anno, il prezzo del petrolio WTI è riuscito addirittura a scendere a quasi 70 dollari al barile.

reazione del greggio WTI all'annuncio del rilascio di 180 milioni di barili. Timeframe H4 nella piattaforma MT4

I rapporti suggeriscono che la soglia chiave per gli Stati Uniti per acquistare nuovamente petrolio per le proprie riserve è quando il prezzo del petrolio WTI raggiunge i 70 dollari al barile. Durante la crisi delle piccole e medie banche nel marzo 2023, il prezzo del barile di WTI è sceso al di sotto di questa soglia, consentendo alle riserve statunitensi di iniziare a riempirsi nuovamente. Tuttavia, ciò non significa che le riserve petrolifere statunitensi saranno ricostituite in tempi brevi, poiché si prevede che nei prossimi due anni i produttori restituiranno solo circa 25 milioni di barili. Non si tratta di un aumento significativo, soprattutto se si considerano i previsti ulteriori rilasci di greggio statunitense dalle riserve governative sul mercato.

Reazione del greggio WTI all'annuncio dell'immissione sul mercato di ulteriori 26 milioni di barili. Timeframe H4 nella piattaforma MT4

Quando dobbiamo aspettarci il prossimo rilascio di riserve petrolifere?

L'annuncio del 13 febbraio 2023 dell'approvazione da parte del Congresso dell'immissione sul mercato di altri 26 milioni di barili di petrolio dalle riserve nazionali è stato piuttosto sorprendente. Questo petrolio dovrebbe arrivare sul mercato tra aprile e la fine di giugno. E così è stato: dalla fine di marzo 2023, gli americani hanno immesso sul mercato altri 4 milioni di barili di petrolio.

È nella seconda metà dell'anno, tuttavia, che il mercato si aspetta di vedere un aumento più significativo della domanda di petrolio, guidato in particolare dalla Cina, la cui economia è come se fosse stata inondata di acqua viva. Gli attuali tagli alla produzione dell'OPEC+ si aggirano intorno ai 3,66 milioni di barili al giorno, pari a quasi il 4% della domanda globale. I prezzi del petrolio potrebbero tornare a salire in modo significativo, e nessuno, tranne l'OPEC+, lo vuole.

È quindi probabile che gli Stati Uniti rilascino ulteriori barili di petrolio dalle loro riserve durante l'estate, e possibilmente in volumi significativamente superiori a quelli annunciati a febbraio. L'intero mercato è in attesa di questo annuncio, che ha il potenziale per scuotere letteralmente i prezzi del petrolio come ha fatto in passato.

Altri articoli sul petrolio

67,90 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore.
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio elevato di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. 67,90 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se sai come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.