67,90 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore.
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio elevato di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. 67,90 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se sai come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Top 3 delle azioni per gennaio 2023

Pubblicata: 08.02.2023

Nel mese di gennaio, un'enorme ondata di euforia ha travolto i mercati azionari, portando a un grande rally che ha dominato il mercato azionario statunitense. I timori per l'inflazione si sono leggermente attenuati e, inoltre, la stagione degli utili è tornata in pieno svolgimento con alcune sorprese. I trader attivi che non hanno dormito all'inizio del nuovo anno hanno quindi avuto molte opportunità di guadagno. Ma tra tutti i titoli del mercato azionario statunitense, ce ne sono stati 3 particolarmente interessanti. Volete sapere quali? Allora continuate a leggere!

Tesla: un mix di buoni risultati e FOMO

La FOMO (fear of missing out) è un fattore che storicamente ha spinto le azioni Tesla a livelli incredibili. Quindi, con il ritorno del capitale retail e i buoni risultati degli utili, le azioni Tesla stanno nuovamente salendo alle stelle. Un'ampia fetta di investitori al dettaglio sta puntando alle azioni Tesla. Dall'inizio dell'anno hanno registrato un rialzo difficile da credere del 75%. E ancora una volta, Elon Musk diventa sempre più ricco ogni giorno che passa. Ma la crescita delle azioni della società non è affatto immeritata. Che cosa ha annunciato Tesla per crescere in questo modo?
 

Akcie společnosti Tesla v platformě MT4 na časovém rámci H1 společně s 50 (žlutá) a 100 (modrá) denním klouzavým průměrem.
Azioni Tesla nella piattaforma MT4 sul timeframe H1 insieme alle medie mobili giornaliere 50 (giallo) e 100 (blu)


Praticamente tutti i numeri sono stati positivi. Tesla ha registrato un fatturato di 24,32 miliardi di dollari e un utile per azione di 1,19 dollari. È stata una sorpresa positiva per il mercato, che si aspettava un fatturato di 24,07 miliardi di dollari e un utile per azione di 1,12 dollari. Ancora più positive sono state le previsioni per l'anno in corso, in cui l'azienda prevede di consegnare 1,8 milioni di nuovi veicoli. Verso la fine dell'anno si sono manifestati notevoli dubbi sulla domanda di automobili Tesla, facendo crollare il titolo a 100 dollari al pezzo. Tesla ha quindi fatto ricorso a drastici tagli dei prezzi a livello mondiale, che hanno chiaramente funzionato. Ora ci sono code per le Tesla e la domanda sarebbe due volte superiore alla produzione. Se tutto va bene, Tesla potrebbe addirittura consegnare oltre 2 milioni di auto quest'anno. Un altro aspetto positivo è stato il nuovo modello Cybertruck che dovrebbe entrare in produzione quest'anno. Tuttavia, non è stato tutto positivo: il flusso di cassa libero è stato inferiore alle stime, pari a 1,42 miliardi di dollari (le stime erano di 3,13 miliardi di dollari), così come il margine lordo.

Il lato positivo è che è stata risolta la causa relativa al tweet di Elon Musk, risalente a diversi anni fa, che annunciava l'acquisizione di Tesla a un prezzo di 420 dollari per azione. Inoltre, le azioni Tesla hanno ricevuto diversi upgrade dalle principali banche mondiali. È quindi molto probabile che il loro rally sia tutt'altro che finito. Abbiamo visto più volte nella storia che le azioni Tesla possono salire anche quando l'intero mercato è in calo. Certo, con un rapporto P/E superiore a 50, Tesla appare estremamente sopravvalutata (BMW, ad esempio, ha un rapporto P/E di circa 3,5), ma ci siamo abituati al fatto che questa casa automobilistica californiana ha uno status di culto tra i suoi fan. I buoni risultati degli utili ne sono una delle ragioni. Le prospettive per quest'anno potrebbero quindi appartenere ancora una volta a Tesla.

Pfizer - vendite record grazie a covid

Quest'anno per Pfizer sembra l'esatto contrario di Tesla. Anch'essa ha comunicato a gennaio i risultati dell'ultimo trimestre dell'anno scorso e dell'intero anno 2022, ma con molte contraddizioni. Lo scorso anno Pfizer ha raggiunto un fatturato di 100 miliardi di dollari, un massimo storico per l'azienda. Circa la metà delle entrate proveniva dai vaccini contro il coronavirus. Questa è letteralmente una miniera d'oro per Pfizer. Il suo ritiro ha quindi avuto un impatto significativo sulle prospettive di vendita di quest'anno. Pfizer prevede un fatturato compreso tra 67 e 71 miliardi di dollari, con un calo del 30% rispetto all'anno precedente. Se c'è una cosa che non piace agli investitori sono le prospettive negative. Pertanto, il calo del 14% delle azioni di Pfizer registrato quest'anno non sorprende più di tanto.
 

Akcie společnosti Pfizer v platformě MT4 na časovém rámci H1 společně s 50 a 100 denním klouzavým průměrem
Azioni Pfizer sulla piattaforma MT4 sul timeframe H1 insieme alle medie mobili a 50 e 100 giorni
 

Quest'anno, l'azienda dovrebbe guadagnare 13,5 miliardi di dollari dai vaccini contro il coronavirus e 8 miliardi di dollari dal Paxlovide. Gli utili per azione dovrebbero diminuire fino al 50% rispetto alla cifra record di 6,58 dollari dell'anno scorso. Si tratta quindi di una sorta di ritorno alla normalità per Pfizer. Prima del 2020 le vendite e gli utili erano circa la metà. Il titolo Pfizer ha certamente molto da offrire anche senza il coronavirus: il dividendo attuale è quasi del 4% e l'azienda dispone di un'enorme quantità di liquidità. Ciò le consente di investire nello sviluppo di nuovi farmaci per rafforzare la propria posizione sul mercato, oppure di iniziare a riacquistare le proprie azioni, cosa che farebbe piacere agli investitori.

Tuttavia, non ci aspettiamo grandi miracoli da Pfizer quest'anno, le revisioni graduali degli utili saranno più al ribasso e il titolo Pfizer potrebbe tornare sotto i 40 dollari. Pertanto, quest'anno sarà più favorevole agli speculatori. Per gli investitori a lungo termine, tuttavia, potrebbe essere una scelta interessante grazie all'elevato dividendo. Ma Pfizer è anche oggetto di frequenti controversie. A gennaio, ad esempio, è trapelata un'intervista a un rappresentante dell'azienda, il quale ha ammesso che Pfizer stessa muta il coronavirus per preparare vaccini per queste nuove mutazioni.

Palantir: la scommessa sul futuro non funziona ancora

Dall'inizio dell'anno, anche Palantir ha registrato un andamento positivo, con un apprezzamento delle sue azioni di quasi un terzo. Palantir opera nel settore dell'analisi dei dati e fornisce i suoi servizi anche al governo degli Stati Uniti. Da tempo si parla di un'azienda rivoluzionaria e di una chiara scommessa sul futuro. Tuttavia, questa scommessa non ha funzionato troppo bene finora: esattamente due anni fa le azioni Palantir valevano oltre 30 dollari, oggi ne valgono circa 8. Tuttavia, siamo ancora in attesa dei risultati finanziari dell'ultimo trimestre, che dovrebbero essere resi noti il 13 febbraio. Pertanto, la crescita delle azioni da gennaio è più legata al ritorno del sentimento di rischio sui mercati azionari. Ma cosa possiamo aspettarci da Palantir nelle prossime settimane?
 

Akcie společnosti Palantir v platformě MT4 na časovém rámci H1 společně s 50 a 100 denním klouzavým průměrem.
Azioni di Palantir nella piattaforma MT4 sul timeframe H1 insieme alle medie mobili a 50 e 100 giorni


Il fatturato del quarto trimestre dovrebbe crescere del 16% rispetto all'anno precedente, raggiungendo i 502,6 milioni di euro. L'utile per azione dovrebbe essere di 0,03 dollari (con un aumento di 1 centesimo). Non si tratta quindi di numeri miracolosi, ma ciò che sarà importante saranno le prospettive per l'anno in corso. In particolare, saranno fondamentali le aspettative per le entrate commerciali, che da tempo sono in ritardo rispetto a quelle del governo. Palantir ha circa il 60% dei suoi ricavi da quest'ultimo. L'azienda sta cercando di espandersi nei settori della sanità e dell'energia, ma una possibile recessione potrebbe far deragliare questi piani.

Tutti i rischi attesi potrebbero quindi non essere stati valutati dal titolo, soprattutto dopo l'enorme rialzo di gennaio. Pertanto, all'orizzonte si profilano numerose onde che potrebbero far precipitare Palantir in entrambe le direzioni. Dipenderà quindi dagli utili e dall'umore generale dei mercati azionari. Se il sentimento di rischio viene mantenuto, il titolo Palantir può rafforzarsi ulteriormente. Tuttavia, per ora sembra più probabile lo scenario opposto.

Apri un conto e inzia a fare trading su azioni CFD oggi stesso!

 

Il tuo capitale è a rischio.
67,90 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore.
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio elevato di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. 67,90 % degli investitori al dettaglio perde il proprio capitale quando fa trading di CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se sai come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.