I CFD sono strumenti complessi, caratterizzati da un rischio elevato di perdere denaro rapidamente a causa della leva. Il 69,50 % dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD con questo provider. Occorre considerare attentamente se ci si può permettere il rischio di perdere soldi.

Panoramica dell'oscillazione - Settimana 25

È stata una settimana piuttosto tranquilla in cui i principali indici azionari mondiali si sono scrollati di dosso le perdite precedenti e da lunedì stanno lentamente risalendo. Tuttavia, si tratta probabilmente solo di una correzione temporanea dell'attuale tendenza ribassista.  Il consiglio di amministrazione della banca CNB si è riunito per l'ultima volta nella sua vecchia composizione e ha aumentato il tasso di interesse al 7%, il livello più alto dal 1999. Tuttavia, la corona ha reagito a malapena a questo aumento. Il motivo è che i rischi principali sono ancora in atto e la paura di una recessione mantiene i mercati in un sentimento di risk-off che favorisce il dollaro USA.

Dati macroeconomici

La settimana è stata un po' tranquilla per quanto riguarda i dati macroeconomici negli Stati Uniti. Sono stati resi noti i dati sulla produzione industriale, che a maggio è cresciuta dello 0,2% mese su mese, una crescita inferiore a quella registrata ad aprile, quando la produzione era cresciuta dell'1,4%. Sebbene la crescita sia più lenta del previsto, si tratta comunque di una crescita, il che è positivo.

Per quanto riguarda i dati sul mercato del lavoro, la scorsa settimana il numero di richieste di disoccupazione si è mantenuto stabile, raggiungendo le 229k unità. Rispetto alla settimana precedente, quindi, il numero di richieste è sceso di 2 mila unità.

Il dollaro USA si è preso una pausa in questa settimana tranquilla ed è sceso dal suo picco, che è a 106,86. Nel complesso, tuttavia, il dollaro è ancora in una fase di rialzo. Anche i rendimenti delle obbligazioni decennali statunitensi sono scesi la scorsa settimana e attualmente si aggirano intorno al 3%. Il calo dei rendimenti obbligazionari ha dato una spinta positiva agli indici azionari.


swing 25-22 obr-1

Figura 1: Rendimenti obbligazionari decennali USA e indice USD sul grafico giornaliero

 

L'indice SP 500

L'indice SP 500 ha guadagnato da lunedì 20 giugno 2022. Tuttavia, questo non è probabilmente un segnale di un'importante inversione rialzista. Le ragioni fondamentali parlano ancora di un indebolimento e quindi potrebbe trattarsi di una correzione a breve termine dell'attuale tendenza ribassista. Il rialzo è probabilmente causato dagli investitori di lungo periodo che hanno acquistato il ribasso. La prossima settimana gli Stati Uniti comunicheranno i dati sul PIL, che potrebbero essere il catalizzatore di ulteriori movimenti.


swing 25-22 obr-2

 Figura 2: SP 500 su grafico H4 e D1

L'indice ha attualmente raggiunto il livello di resistenza secondo il grafico H4, che si trova nella regione di 3.820-3.836. La prossima forte resistenza si trova quindi nella regione di 3.836. La prossima forte resistenza si trova nell'area di 3.870 - 3.900, dove il precedente supporto è stato rotto e trasformato in resistenza. L'attuale supporto più vicino è 3.640 - 3.670. 
 

Indice DAX tedesco

Il PMI manifatturiero di giugno si è attestato a 52,0. Il PMI del mese precedente era pari a 54,8. Sebbene un valore superiore a 50 indichi un'espansione prevista, va detto che il PMI è essenzialmente in calo dal febbraio 2022. Questo, insieme ad altri dati provenienti dalla Germania, suggerisce un certo pessimismo, che si riflette anche nell'indice DAX.

swing 25-22 obr-3

Figura 3: Indice DAX tedesco su grafico H4 e giornaliero
 

Secondo il grafico H4, il DAX ha rotto il supporto a 12.950 - 12.980, ma poi è tornato al di sopra di questo livello, quindi non abbiamo un breakout valido. Nel complesso, tuttavia, il DAX si trova in una tendenza al ribasso e l'analisi tecnica non mostra ancora un forte segnale di inversione di tendenza. La resistenza più vicina secondo il grafico H4 è a 13.130 - 13.190. La prossima resistenza è a 13.420 - 13.440. Il forte supporto secondo il grafico giornaliero è a 12.443 - 12.600.
 

Inflazione dell'Eurozona a un nuovo record

L'inflazione al consumo nell'Eurozona a maggio è aumentata dell'8,1% su base annua, come previsto dagli analisti. Su base mensile, l'inflazione è aumentata dello 0,8% rispetto ad aprile. L'aumento dell'inflazione potrebbe sostenere la decisione della BCE di alzare i tassi, forse più dello 0,25% previsto finora, che dovrebbe avvenire nella riunione di luglio.
swing 25-22 obr-4
 Figura 4: EUR/USD su grafico H4 e giornaliero

Da un punto di vista tecnico, l'euro ha rimbalzato dal supporto della coppia con il dollaro USA secondo il grafico giornaliero, che si trova nell'intervallo 1,0340 - 1,0370 e continua a rafforzarsi. Nel complesso, tuttavia, la coppia è ancora in una tendenza al ribasso. La Fed statunitense è stata molto più aggressiva nella lotta all'inflazione rispetto alla BCE e questo continua a mettere pressione sulla tendenza ribassista dell'euro. La resistenza più vicina secondo il grafico H4 è a 1,058 - 1,0600. La forte resistenza secondo il grafico giornaliero è a 1,0780 - 1,0800.


La Banca Nazionale Ceca ha aumentato nuovamente il tasso di interesse

L'aumento dell'inflazione, che nella Repubblica Ceca ha già raggiunto il 16%, ha costretto il consiglio di amministrazione della CNB ad aumentare nuovamente i tassi di interesse. Il tasso d'interesse di riferimento è ora del 7%. L'ultima volta che il tasso di interesse è stato così alto è stato nel 1999. Questa è l'ultima decisione del vecchio Consiglio della Banca. Ad agosto, il nuovo consiglio, che non è chiaramente un falco, deciderà in merito alla politica monetaria. Sarà quindi molto interessante vedere come affronteranno l'aumento dell'inflazione.

I rischi attuali, secondo la CNB, sono l'aumento dei prezzi all'interno e all'estero, il rischio di un'interruzione delle forniture energetiche dalla Russia e l'aumento generale delle aspettative di inflazione. Il rischio persistente è, ovviamente, la guerra in Ucraina. La CNB ha inoltre deciso di continuare a intervenire sul mercato per mantenere il tasso di cambio della corona ceca entro limiti accettabili ed evitare che si deprezzi, il che aumenterebbe le pressioni sull'inflazione all'importazione.

 

swing 25-22 obr-5

Figura 5: USD/CZK e EUR/CZK sul grafico giornaliero
 

Osservando i grafici, la corona non ha reagito affatto alla decisione della CNB di aumentare bruscamente i tassi. Nei confronti del dollaro, la corona si sta indebolendo leggermente, mentre nei confronti dell'euro mantiene il suo valore intorno a 24,60-24,80.

L'apprezzamento della corona dopo il rialzo dei tassi d'interesse è stato probabilmente impedito dall'incertezza su come il nuovo consiglio d'amministrazione tratterà l'inflazione, e anche dal fatto che sui mercati globali c'è un sentimento di risk-off e gli investitori preferiscono i cosiddetti beni rifugio in questi casi, tra cui il dollaro USA.

 

Apri un conto e inizia a investire con Purple Trading


Il tuo capitale è a rischio.